La pentola annerita

15 Giu, 2022
Reading Time: 13 minutes

Un trauma può verificarsi attraverso eventi improvvisi , violenti e distruttivi, oppure  attraverso un percorso graduale di logoramento. Entrambe possono risultare devastanti, ma entrambe possono essere prevenuti e alleviati.  Non è mai troppo tardi e non esistono casi senza speranza. Nessuno deve mai abbandonare la speranza. C’è sempre qualcosa che si può fare e, una volta fatto il primo passo, ne possono seguire altri. Riunire una combinazione di metodologie diverse è probabilmente il modo migliore per procedere e, lo Shiatsu in quanto terapia olistica con molte vie di intervento a disposizione, ha un ruolo primario in questa visione. La parte più importante dell’aiuto che offriamo può essere l’empowerment: ogni parola detta, azione compiuta e pensiero previsto è orientata a liberare i nostri clienti dalla camicia di forza del trauma. Nel corso di questo processo, non solo possiamo recuperare la nostra energia originaria, ma possiamo anche scoprire doni e capacità che non avevamo mai sospettato di avere.


Un pasticcio annerito

Entrate in cucina e la puzza e il fumo rivelano la loro triste storia: una padella è stata lasciata sul fuoco, l’umidità è bruciata e la pentola è un pasticcio annerito. Succede di tanto in tanto – fortunatamente non così spesso – e la domanda che sorge spontanea è: come possiamo affrontare al meglio il problema?

Esiste una piccola minoranza di persone che ha il tempo e i mezzi per affrontarlo immediatamente. Si aprono le finestre e le porte, si svuota la pentola, si lava, si strofina e la pentola ritorna – quasi – al suo stato immacolato.

Molte persone agiscono in modo semi-immediato lasciando a mollo la padella, riempita per metà d’acqua. C’è chi se ne occupa la sera stessa, chi il giorno dopo e chi rimanda il tutto di qualche giorno o addirittura di una settimana. Non c’è alcuna differenza sostanziale tra questi ritardi relativamente piccoli in termini di ritorno della padella ad uno stato utile e ripulito. All’altra estremità troviamo persone che non hanno né il tempo né la capacità di fare alcun intervento di ripristino.

La padella viene vista come una vittima. Viene messa da parte. Si allontana progressivamente dal centro dell’attenzione e, col tempo, finisce fuori dalla cucina o in giardino. Questa modalità porta a uno stato più o meno permanente di completo abbandono.

Immaginate questa padella , abbandonata all’esterno, esposta agli elementi del vento, del freddo, del caldo, dell’umidità e della siccità. Durante questa fase di esposizione, una parte del danno si eroderà con il tempo. Purtroppo, la stessa cosa accadrà alla struttura originale della padella stessa. Non c’è un vantaggio per nessuno, ma solo un lento decadimento locale che porta a un graduale inquinamento dell’ambiente circostante.

Esiste, naturalmente, un altro modo meno drammatico di annerire le padelle: l’uso costante senza alcun serio tentativo di pulizia. Si tratta di un processo più lento ma ugualmente devastante per la pentola, che si ritroverà inevitabilmente relegata in fondo alla credenza, trascurata e inutilizzata, fino al giorno in cui verrà ritrovata e probabilmente gettata.

Tornando alle operazioni di pulizia di cui sopra, sorge spontanea una domanda: la padella torna mai davvero allo stato immacolato? La risposta è: probabilmente no. Ci saranno cicatrici o resti o una combinazione di entrambi. O la pulizia è così intensa da rimuovere uno strato di metallo dalla pentola, oppure la pulizia si ferma al livello in cui gli ultimi resti di carbone sono saldamente fissati nello stato attuale della pentola. Nella maggior parte dei casi, si assiste a un misto dei due scenari.

A questo punto, la metafora che stiamo esplorando sarà probabilmente diventata abbondantemente trasparente: la pentola annerita rappresenta un essere umano traumatizzato. Abbiamo capito che il trauma può verificarsi sia attraverso un evento improvviso, intenso e violentemente distruttivo, sia attraverso un processo graduale di logoramento. Entrambe possono risultare devastanti, ma entrambe possono essere prevenuti, o almeno alleviati.

Tra i Metodi di trattamento praticabili:lo Shiatsu ha un ruolo primario

Il tema del trauma è diventato molto più attuale rispetto a pochi anni fa. È accettabile parlarne in molti ambiti diversi e stanno emergendo metodi di trattamento validi, basati su tutto, dalla discussione terapeutica attraverso la PNL, l’EFT, la TRE e l’ipnosi, al lavoro sul corpo e alle modalità di trattamento basate sull’energia. Si ritiene che una combinazione di metodi sia la soluzione ottimale. Lo shiatsu ha un ruolo primario in tutto questo.

Tuttavia, si tratta di un argomento che ha bisogno di essere osservato da più angolazioni possibili e, sebbene una metafora non possa mai rispecchiare l’oggetto del paragone con esatta precisione, l’immaginazione ha il vantaggio di attivare i sensi che gli approcci razionali non raggiungono.

Se immaginiamo che una persona, come una pentola possa essere oggetto di un evento intensamente dannoso, quali forme potrebbe assumere?

Attributi del trauma

La guerra e le atrocità ad essa associate sono un esempio ovvio. Qualsiasi tipo di attacco che comporti violenza fisica, anche un incidente, può essere traumatizzante in modo simile. Naturalmente vanno incluse anche le catastrofi naturali: terremoti, incendi, inondazioni o tornado. La morte, soprattutto quella multipla, può far sentire le persone insicure e poco fiduciose nel mondo che le circonda. Questo è particolarmente vero per i giovanissimi e per le persone isolate. Le persone che si ritrovano improvvisamente disoccupate o in pensione possono facilmente sperimentare questi eventi come traumatici. Anche le relazioni familiari che si rompono, apparentemente senza preavviso, soprattutto quando viene rivelata una doppia vita, sono fonte di trauma per alcuni individui.

A questo punto dobbiamo fare una pausa e considerare l’elemento soggettivo. Una frase comune che ha una certa rilevanza è: ciò che non mi uccide, mi rende più forte. Questo è vero per alcune persone e in alcune circostanze ed è un argomento che vale la pena di esplorare a fondo e a lungo. Tuttavia, non si applica certamente in modo universale. Un evento che non ci uccide può anche lasciarci mutilati e segnati a vita – traumatizzati. Aspetti che possono essere decisivi sono la sensibilità innata, le reti di supporto esistenti, le risorse di guarigione disponibili e l’ambiente culturale prevalente, che incoraggia a “rimettersi in sella” in tempi relativamente brevi o a porta soccombere all’uno o all’altro tipo di accettazione passiva o addirittura, nel peggiore dei casi, al vittimismo.

Riprendendo il nostro elenco di eventi che possono traumatizzare in modo rapido e improvviso, dobbiamo includere qualsiasi tipo di violenza sessuale o di aggressione. Ancora una volta, dobbiamo tornare al soggettivo: ciò che una persona può interiorizzare nel profondo del proprio essere come un attacco paralizzante alle proprie fondamenta, un’altra può ignorare e attribuire all’esperienza. Alcuni individui possono addirittura trarre un’immensa forza dal superamento di livelli di abuso apparentemente invalidanti – questi individui hanno quindi l’opportunità di diventare modelli di riferimento per altri sopravvissuti.

La probabilità che gli eventi si rivelino traumatici o meno dipende anche dalla loro ripetizione o singolarità. Mentre un evento violento e disumanizzante isolato può essere superato con conseguenze minime, un evento vissuto ripetutamente finirà per destabilizzare anche le costituzioni più forti. La parola “tortura” entra ora nel nostro spazio, poiché le aggressioni ripetute sono fondamentalmente interpretabili come tortura e i risultati saranno quasi certamente traumatici.

Conseguenze del trauma

Le conseguenze di un trauma possono andare da una personalità leggermente disturbata a una personalità completamente alterata. Una persona può dover cedere porzioni relativamente più piccole o più grandi del proprio potenziale innato per conservare l’energia vitale sufficiente a sopravvivere all’esperienza o alle esperienze in questione. In ogni caso, il risultato sarà una riduzione proporzionale dell’essenza vitale e una corrispondente diminuzione dell’espressione della forza vitale e quindi della personalità. Una persona può scegliere di esplorare aspetti completamente diversi della propria personalità per sviluppare strategie di sopravvivenza – alcuni adottano persino gli stessi metodi che sono stati esercitati su di loro…

In casi estremi, c’è anche la questione dei tratti di personalità aggiuntivi e delle suddivisioni all’interno del carattere di base. Qui entriamo nel campo della cosiddetta ossessione e della personalità multipla. Né l’una né l’altra sono particolarmente rare: una lieve ossessione si può vedere sugli spalti del calcio, ai concerti e in certe bande. Le personalità multiple sono presenti in molti luoghi di lavoro e forum sociali. Di solito non sono problematiche, ma se lasciate incontrollate o se alimentate da crescenti tensioni interiori, dalla pressione dei coetanei o da altre influenze esterne sfavorevoli, possono alla fine causare problemi seri.

Questo ci riporta alla pentola che, a causa dell’uso disattento e dell’incuria, può diventare altrettanto disfunzionale della pentola che è stata improvvisamente scottata. Il risultato è simile, anche se il processo è molto diverso. Il logorio graduale non è certo meno distruttivo di un assalto improvviso. Può essere vero anche l’esatto contrario: un’esperienza acuta può essere affrontata in modo rapido ed efficace, mentre un’influenza graduale e strisciante può passare relativamente inosservata e quindi inserirsi in modo insidioso e progressivamente più profondo negli strati del corpo e della mente.

Effetti del trauma: Livelli mentale, emotivo e spirituale

È ovvio che le aggressioni e le torture – sia improvvise che graduali – possono essere sperimentate a tutti i livelli: fisico, mentale, emotivo e, naturalmente, spirituale. Ci siamo già soffermati a lungo su vari esempi fisici, che tendono tutti a includere o a comportare un certo grado di ricaduta su altri livelli.

L’aggressione mentale ed emotiva può essere esercitata sul posto di lavoro, in famiglia, nelle relazioni, attraverso i gruppi sociali o i social media, che sono sempre più numerosi. La pressione dei coetanei e la necessità di conformarsi sono la causa di molti di questi eventi traumatici. La propaganda politica e religiosa fornisce esempi evidenti di aggressione mentale ed emotiva, mentre i codici di comportamento non dichiarati nelle relazioni familiari e coniugalipossono costituire l’estremità più sottile dello spettro. Nessuno dei due è necessariamente più offensivo o benigno. Ancora una volta, alcuni cedono e si piegano, mentre altri sono relativamente indenni o addirittura, come conseguenza, diventano più forti.

In ogni caso, dobbiamo ricordare che il trauma non è mai una conclusione definitiva, data l’innata capacita di resilienza del genere umano. Allo stesso modo, dobbiamo essere consapevoli del fatto che il trauma è tutto intorno a noi, spesso nascosto dietro personaggi superficiali, considerati “normali”.

Anche l’aggressione spirituale può assumere ogni forma possibile, da quella discreta a quella palese. Poiché la punizione può essere inflitta in un’infinita varietà di modi e la ricompensa è altrettanto multispettrale, la gamma diventa infinita. In alcune culture, le esibizioni pubbliche di crudeltà sono utilizzate per rafforzare codici di comportamento drastici, mentre in altre codici molto più sottili di linguaggio corporeo e verbale sono usati per scopi coercitivi nell’ambiente spirituale. Il fattore chiave si concentra invariabilmente sull’erosione o sulla negazione del libero arbitrio e della spontaneità.

Non appena la nostra personalità, la nostra creatività, i nostri processi di pensiero, la nostra integrità o le nostre risorse adattative e corporee vengono compromesse, si crea il presupposto per l’insorgenza improvvisa o graduale del trauma. Ancora una volta, tutti i tipi di fattori interni ed esterni determineranno se gli eventi vengono vissuti come traumatici o meno. Tuttavia, siamo in grado di identificare un’ampia gamma di eventi causali che possono produrre uno stato traumatico se lasciati procedere senza controllo.

Sciogliere il trauma con lo Shiatsu

Utilizzando tutto questo come contesto, passiamo alla riparazione, alla riduzione, e al disvelamento del trauma. Ricordiamoci che prevenire è ovviamente molto meglio che curare e che ci sono mille modi in cui il trauma può essere evitato attraverso atti più o meno consapevoli di condotta e comunicazione gentile.

Questo è appena il caso di dirlo, eppure ci troviamo in un mondo in cui il trauma è, se non comune, certamente non raro. Per quanto riguarda i temi della riparazione, della riabilitazione e della rigenerazione, è sufficiente dire che non è

mai troppo tardi e che non esistono casi senza speranza. Nessuno deve mai abbandonare la speranza, né il cliente né il terapeuta, né l’amico né il conoscente. C’è sempre qualcosa che si può fare e una volta fatto il primo passo, ne può seguire un altro e da lì altri diventano possibili.

I metodi disponibili sono ormai numerosi e aumentano di giorno in giorno. Alcuni possono trovare che uno scambio verbale aiuti ad avviare il processo. Altri reagiscono più favorevolmente a interventi pratici all’inizio. Lo shiatsu è un meraviglioso esempio di terapia olistica che ha a disposizione una miriade di vie di intervento fruttuose. Una componente molto importante del processo terapeutico è l’empowerment. Dal punto di vista del terapeuta, questa può essere la parte più importante dell’aiuto che offriamo: ogni singola parola detta, azione messa in atto e pensiero previsto può essere utile alla liberazione dei nostri clienti dalla camicia di forza paralizzante del trauma.

Resistenza, coraggio e impegno

Dal punto di vista del cliente, gli strumenti più importanti saranno probabilmente la resistenza, il coraggio e l’impegno. La resistenza è importante perché quasi certamente la strada non sarà dritta e nemmeno liscia, quasi certamente non sarà in discesa. Ci saranno curve e tornanti e i tratti in salita potranno sembrare a volte impossibili da sopportare. Un’immagine da tenere con sé potrebbe essere quella della spirale: probabilmente dovrete attraversare lo stesso territorio più volte. Forse molte. Ogni volta che lo farete, vi sentirete un po’ più forti, avrete un po’ più di consapevolezza, un po’ più di conoscenza di voi stessi. State superando a spirale lo stesso punto, ma non siete la stessa persona.

L’impegno è altrettanto importante perché una delle piccole verità della vita è che finché non ci impegniamo con tutto noi stessi, non otterremo mai risultati sostanziali. Quando vi sentite pronti a impegnarvi, dall’interno del midollo delle ossa fino alle estremità delle ciglia e alla punta dei piedi, allora siete davvero pronti a percorrere il cammino per ricostruire il vostro sé originale.

Avrete bisogno di ogni grammo del vostro coraggio per avviare il processo e per mantenerlo attraverso le molte sfide che sicuramente affronterete. Dovrete essere coraggiosi nell’affrontare cose che sono repellenti come qualsiasi altra cosa sulla terra, cose che un tempo temevate vi avrebbero distrutto. Questo coraggio sarà ripagato dieci volte, cento volte e potrete trovare sostegno per mantenere questo coraggio nella persona o nelle persone di cui deciderete di fidarvi mentre vi liberate del dolore del passato e vi avviate verso il vostro diritto di vivere.

Non c’è limite a ciò che potete ottenere e anche se all’inizio la pentola era nera come la pece, sappiate che potete non solo esigere, rinnovare e ritrovare la vostra energia originaria, ma anche scoprire doni e capacità che non avevate mai sospettato di avere.

Una nuvola con un rivestimento d’argento

Cambiando metafora alla fine, i giapponesi ci ricordano che il trauma può essere una nuvola con un rivestimento d’argento. Secondo loro, un vaso di ceramica rotto, se riparato con una colla color oro, diventa un ornamento ancora più prezioso di un oggetto comune che sopravvive indenne. Come è possibile? La ragione risiede proprio nel paradosso della sofferenza: quando siamo costretti ad affrontare processi difficili per acquisire saggezza, cresciamo in modo incommensurabile. Diventiamo più flessibili, scaviamo più a fondo nelle nostre risorse, allarghiamo la nostra prospettiva e infine sviluppiamo la compassione.

Si può affermare che la sofferenza in sé non ha alcun merito intrinseco. Nonostante questa presunzione, in molti ambienti spirituali si ritiene che la conoscenza acquisita senza un duro sforzo abbia poco valore. Anche lo sforzo in sé può essere considerato infruttuoso e sterile. È proprio nella combinazione di sforzo e assenza di fatica, sofferenza e liberazione, panorama e processo minuzioso che lo sviluppo è, se non prevedibile, almeno possibile.

In quest’ottica, il destinatario del trauma può essere visto come un terreno fertile.


Autore

Chris McAlister

Traduttore

Annamaria Fedeli
Latest posts by Annamaria Fedeli (see all)

    Related Posts:

    Newsletter

    Se non vuoi perdere nessun articolo, corso, intervista o informazione sullo Shiatsu, iscriviti alla nostra newsletter.



      Continuando, accetti l'informativa sulla privacy (vedere)

      ×