Intervista Mihael Mamychshvili: dalla Georgia a Everything Shiatsu, una vita dedicata

22 Apr, 2023
Reading Time: 32 minutes

Nel mondo dello Shiatsu ci sono le persone che lo praticano quotidianamente e lo fanno conoscere, e quelle che mettono in luce queste stesse persone attraverso i media. Mihael Mamychshvili fa entrambe le cose. Da anni sviluppa lo Shiatsu e il suo metodo, e dà voce a grandi insegnanti e praticanti attraverso quello che è probabilmente il più famoso programma di interviste in diretta: “Everything Shiatsu”. Ma prima di essere un uomo di comunicazione, è un appassionato terapista del trauma, che non smette mai di cercare soluzioni per liberare uomini e donne che soffrono. Alla scoperta di un insegnante appassionato e sempre sorridente.


Caro Mihael, voglio ringraziarti per aver accettato questa intervista. Ogni volta che abbiamo avuto modo di parlare, ho notato che sei un uomo dalle storie incredibili. Nel nostro piccolo mondo dello Shiatsu, sembri anche un appassionato di quest’arte, che cerchi di promuovere con le tue famose interviste su Zoom e sul gruppo FB “Everything Shiatsu”, quindi sono sicuro che hai molto da raccontare. Sei pronto?

(ride) Sì, lo sono!

Potresti raccontarci da dove vieni e qual’è stato il tuo esordio nella vita? È una storia incredibile.

Sono nato nel Paese della Georgia, che all’epoca era governato dall’Unione Sovietica. È stata una giornata intensa, in cui una grande tempesta ha fatto cadere 3 metri di neve e tutte le strade per l’ospedale erano chiuse, così mio padre è rimasto bloccato in un bar con i suoi amici e mia madre mi ha partorito da sola in ospedale.

Quando le strade furono liberate e mio padre venne all’ospedale per portare me e mia madre a casa, l’ospedale gli chiese di donare una certa quantità del suo sangue alla Madre Russia cioè allo Stato. Era una di quelle strane regole che i sovietici applicavano in tutti i Paesi che erano sotto il loro controllo.

Mio padre, testardo e ribelle, si rifiutò di darne anche solo una goccia, così si rifiutarono di farmi uscire finché non l’avesse fatto e ci fu molto stress. Mio padre escogitò un piano: convinse mia madre a mettermi in un fagotto fatto con delle lenzuola e a calarmi con una corda dal secondo piano dell’ospedale, mentre lui ci aspettava fuori al buio e al freddo. Mia madre in qualche modo acconsentì e il piano fu eseguito con scaltrezza e coraggio e così scappammo a casa di mio nonno.

Inutile dire che questo era un reato per lo Stato e la polizia fu mandata a cercarli. Mio nonno e mio padre decisero che potevano corrompere il primario dell’ospedale e fargli firmare un documento in cui mio padre accettava di donare il sangue. Fu consegnata una busta con del denaro e fu firmato un documento ufficiale che attestava la donazione di sangue.

Questo evento è stato molto forte ed è rimasto impresso nella mia mente per tutta la vita.

Articolo su Mihael quando ha iniziato a parlare di spalla congelata, a 26 anni. A quel tempo era famoso per aver aiutato persone con problemi alle spalle. (C) M. Mamychshvili


Accidenti, che storia! Dopo qualche anno, nel 1979, i tuoi genitori hanno deciso di trasferirsi in Israele. Come è successo? È stato più facile vivere una volta arrivati lì?

Israele aveva un clima caldo e meraviglioso e gli anni ’80 offrivano momenti pacifici e ricchi, era un periodo in cui molti immigrati da tutto il mondo venivano a vivere lì. Il complesso in cui vivevamo era come le Nazioni Unite delle nazionalità, ci vivevano forse 20-30 nazionalità diverse. Ancora oggi l’odore del curry indiano mi ricorda la mia infanzia con i film di Bollywood, dato che i nostri vicini del piano di sotto venivano dall’India. C’erano anche persiani, russi, asiatici, europei, arabi e africani: mi piaceva questa varietà e soprattutto tutta quella varietà di cibi.

Ero un ragazzo sveglio che eccelleva nello sport e a scuola e ho persino giocato nella squadra di calcio israeliana juniores. Il mio momento più importante è stato un viaggio in Norvegia e Danimarca con la mia squadra di calcio per rappresentare Israele in un torneo mondiale.

Abbiamo una grande famiglia e parenti dal lato di mio padre e tutti sono immigrati nello stesso periodo. C’erano molti incontri, avvenimenti, matrimoni e festeggiamenti in continuazione, in puro stile georgiano, il che significa ottimo cibo, balli, poesia, musica e tanto amore.

Ho avuto molta libertà e momenti di avventura in un Paese bellissimo, mentre la città in cui sono cresciuto era tosta ma unita.

Eri un buon giocatore di calcio e questo ti ha aiutato a superare le prove e le tribolazioni della vita. Ma allo stesso tempo è stata la fonte di un grande trauma.

Come ho detto in Israele, ero molto impegnato ed eccellevo, ma allo stesso tempo ho vissuto esperienze traumatiche da parte di persone che amavo e di cui mi fidavo. È stato molto sconcertante e mi sono portato dietro questo fardello per molti anni a venire, tanto che quei ricordi sono stati sepolti in profondità per pudore, sconcerto e autodifesa.

Prima foto al Vancouver General Hospital mentre collaboravo al programma Healthy Heart (reparto di cardiologia) per raccogliere fondi e sensibilizzare l’opinione pubblica. Così facendo, il primario di cardiologia ha permesso a me e al mio team di frequentare mensilmente il reparto per seguire i pazienti cardiopatici e il personale di riabilitazione. (C) M. Mamychshvili

E di nuovo i tuoi genitori decisero di emigrare, questa volta in Canada. Si pensava che la vostra vita sarebbe stata più facile, ma in realtà è diventata ancora più dura. Hai persino detto che è stato un nuovo trauma nella tua vita. Perché è stato così difficile?

A 13 anni, avevo appena festeggiato il mio “Bar Mitzvah” (il passaggio nell’età adulta) una grande festa con più di 250 parenti e amici in un bellissimo salone, un’esperienza indimenticabile che capita una volta nella vita.

Poco dopo i miei genitori mi dissero che stavamo pensando di immigrare in Canada. La prima cosa che feci fu prendere l’atlante e cercare di capire dove fosse il Canada, dato che non avevamo mai sentito parlare molto di questo vasto Paese. Ho visto che si trovava nel Nord America e per tutti noi bambini l’America era l’America, gli Stati Uniti e gli anni ’80 erano pieni di film “L’America è grande”. Pensavo che ci saremmo trasferiti in America, finché non abbiamo visto un video promozionale del Canada e ci ha lasciato senza fiato, la fauna selvatica, la natura, il patrimonio dei nativi e le città pulite.

È successo tutto molto in fretta e in sei mesi abbiamo salutato tutti i parenti, i vicini e gli amici, siamo saliti su un aereo e siamo atterrati a Vancouver, in Canada. Non conoscevamo la lingua, i miei genitori avevano deciso di seguire una famiglia con cui eravamo cresciuti in Israele che era immigrata l’anno prima. Ci siamo affidati a loro, ma anche loro erano sulla stessa barca e avevano appena un anno di esperienza.

Mi iscrissi a una grande scuola superiore, frequentata prevalentemente da studenti asiatici e con molti ragazzi benestanti. Ero seduto in classe, imparando il francese in inglese (il Canada è bilingue), completamente nell’oblio. Venivo da un piccolo paese, da una piccola città, da una piccolissima comunità, e me ne stavo seduto lì sbalordito a pensare: “È tutto così strano e diverso”. Ero così scosso e confuso che non ho frequentato le lezioni per due settimane, avventurandomi invece in giro per la città. I miei genitori mi lasciavano la mattina e io attraversavo il cancello d’ingresso e lasciavo la scuola dal cancello posteriore. I miei genitori erano molto occupati a trovare qualunque lavoro e cominciarono a fare due lavori a testa, lavorando 24 ore su 24 per permetterci di tirare avanti.

Alla fine la scuola chiamò i miei genitori chiedendo dove fossi e se avevo ancora intenzione di frequentare la scuola. I miei genitori risposero “cosa intendete? Lo lasciamo tutti i giorni a scuola”.

Tramite un traduttore fu detto loro che non avevo frequentato per due settimane. Quel giorno quando sono arrivato a casa mi hanno chiesto come fosse andata la scuola. Ho risposto come al solito: “È andata bene”. Inutile dire che i miei genitori mi hanno affrontato e io sono scoppiato a piangere e ho detto loro che cosa mi stava succedendo. Quanto mi sentivo spaventato, confuso e sopraffatto da tutto.

Il giorno dopo vennero a scuola con me, parlammo con il direttore della scuola e si resero conto degli errori commessi con le classi che avevano scelto per me. Sono stato inserito nei corsi di inglese come seconda lingua e ho ricevuto più aiuto, cosa a cui non ero mai stato abituato in Israele.

Lì tutto era molto facile per me, eccellevo ed ero amato dagli insegnanti e persino dal preside. Ero considerato uno studente dotato e qui “avevo bisogno di aiuto”, tutto mi era estraneo e stavo diventando un “muto”, qualcuno che non parlava.

Mihael e sua moglie, Giselle Bobinki e il figlio Gabriel, quando hanno aperto il loro centro integrativo quasi 10 anni fa. (C) M. Mamychshvili

Il calcio mi ha salvato in quegli anni, a scuola e fuori, perché ero anche molto dotato e ho iniziato a vincere campionati per la mia scuola e a essere conosciuto dagli osservatori canadesi come una stella emergente.

La situazione a scuola è peggiorata a causa di alcuni cattivi insegnanti che amavano umiliarmi e il mio record di assenze era indicativo di questo. Sono stato anche vittima di bullismo psicologico ed emotivo, da parte di un bullo della scuola. Andava avanti ogni settimana finché un giorno lo presi per un  braccio, lo sbattei contro il muro e minacciai di “ucciderlo”. È stato allora che ho trovato nella biblioteca un rifugio sicuro e ho letto tutti i tipi di libri di sviluppo personale, astrologia, psicologia, perché volevo capire me stesso e il mio posto nel mondo.

Un paio di volte il vicepreside stava pensando di espellermi, ma il preside, che era italiano e guardava le nostre partite di calcio, mi confortava e mi incoraggiava a lavorare di più, a studiare di più.

Quei primi anni ero molto triste, molto depresso, molto arrabbiato e molto solo.

Dev’essere stato un periodo difficile per lei. A 18 anni, per la prima volta vai a una festa e poi… tutto va male.

L’ultimo anno di scuola superiore è stato un anno di “coming out” a un altro livello, mi sentivo più a mio agio, andavo meglio a scuola per cercare di diplomarmi. Avevo degli insegnanti che mi ispiravano molto e che mi facevano emergere nelle loro classi. Le ragazze hanno iniziato a notarmi e sono diventato più popolare e accettato, e con questo sono arrivati anche l’alcol e le droghe che mi facevano sentire “libero”, perché dissolvevano le mie inibizioni, che erano molto forti, e veniva fuori qualcosa di più di me. Quando qualcosa di più di me usciva, ero più attraente e accettato dagli altri. Una volta terminate le scuole superiori sono esploso alla scoperta della vita notturna e la vita stessa.

Dai 18 ai 22 anni è stato un periodo di sperimentazione, incoscienza, pericolo, autolesionismo e disprezzo di me stesso. Ma c’erano anche esperienze che si verificano in quegli stati indotti dalla chimica: divinità, manipolazione energetica, grande intuizione, canalizzazioni e medianità.

Tutto è cambiato quando mi sono innamorata per la prima volta di un’anima gemella ed entrambi sentivamo che era una storia incompiuta. La consapevolezza di questo amore profondo e il nostro desiderio di esplorare i luoghi interiori hanno iniziato a risvegliarmi lentamente, ma ancora non lo sapevo.

Quindi, se pensiamo alla sua vita finora, possiamo dire che c’è stato un insieme di traumi che l’hanno quasi distrutta. Come è riuscito a superarli?

C’è stato un periodo molto difficile in cui ho subito un infortunio alla schiena che nessuno ha saputo risolvere. Stavo ricevendo molte cure con diverse tecniche e stavo facendo quello che ora chiamo il “Circuito”. Questo dolore che non passava da mesi, unito al dolore della rottura con il mio primo amore, era emotivamente travolgente.

Mi chiedevo: “Perché soffro così tanto e così a lungo?

Mentre sistemavo il mio armadio (cosa che di solito non faccio), improvvisamente i ricordi dei miei traumi nascosti nel subconscio sono riaffiorati e mi hanno fatto a pezzi. Mi sembrava che la mia realtà si stesse dissolvendo e di sprofondare in un profondo vuoto di disperazione e di oscurità.

Ho avuto la fortuna di essere guidato verso un terapeuta con una storia simile da un amico, che sapeva che sarebbe stato perfetto per me. Ci andai e la mia vita cominciò a cambiare perché lui era in grado di capire esattamente cosa stavo vivendo, a tutti i livelli. Ciò che mi ha stupito è che lui mi ha dato gli strumenti per cambiare il mio stato e ha parlato con un linguaggio spirituale che si è connesso profondamente con il mio spirito, dandomi al contempo strumenti tangibili e uno spazio per sciogliermi e liberarmi.

Una delle sue raccomandazioni era di meditare quotidianamente, dato che era un buddista praticante e un esperto di meditazione. Per mia natura sono sempre stato una persona “da tutto o niente”, così ho deciso di seguire il suo consiglio e di immergermi in un ritiro silenzioso di Vipassana, a 22 anni.

L’esperienza è stata davvero curativa e mi ha dato una solida base per cambiare le mie abitudini e guarire il mio dolore con l’aiuto del mio terapeuta. Durante questo periodo di guarigione, ho condiviso i miei traumi con i miei genitori e la mia famiglia e non è stato facile perché tutto era stato trattenuto dentro di me per così tanto tempo.

Mihael al lavoro con la squadra di soccorso di North Shore e con i primi soccorritori (C) M. Mamychshvili

In questo processo di guarigione, hai deciso di andare a scalare un’alta montagna dell’Himalaya e lì è successo qualcosa che ti ha spinto direttamente tra le braccia dello Shiatsu. Puoi raccontarmi qualcosa di più su questo incredibile episodio a Dharamshala?

All’età di 25 anni, mentre sentivo che stavo guarendo e lavoravo duramente per rompere i miei schemi di dipendenza creati dal dolore, mi sono regalato un’avventura di viaggio per trovare ancora più me stesso, questa volta in modo consapevole e con presenza e coscienza, in India, Thailandia e Taiwan.

L’India mi ha sempre “chiamato”, fin da quando ero bambino e vivevo sopra le famiglie indiane sentendo l’odore del curry e guardando i film di Bollywood. Ma è stata una chiamata molto più profonda, come se la mia anima chiedesse di tornare in un luogo in cui era già stato. Ho capito il perché solo quando sono arrivato lì e, dopo qualche giorno per orientarmi, ho avvertito una delle sensazioni e una familiarità con il Paese e la gente. Ho camminato in posti in cui sapevo di aver già camminato.

Quando sono arrivato nel nord dell’India su un autobus diretto alla città di Dharamsala, dove vivono i tibetani e il Dali Lama, ho conosciuto un inglese e un giapponese che stavano sull’autobus. Eravamo gli unici stranieri e ci siamo rannicchiati vicino a un chiosco per guardare l’alba. George Kingston (l’inglese) era un alpinista che non riusciva a smettere di parlare e Kenji (il giapponese) era un ingegnere tranquillo, ma quando diceva qualcosa era profondo o estremamente divertente.

Un giorno George ci ha preparato le valigie e ci ha svegliato esclamando che stavamo per partire per un’avventura su una montagna locale. Pensammo che sarebbe stata una scalata fattibile, ma si dimenticò di dirci che avremmo scalato una delle cime dell’Himalaya in una spedizione di 4 giorni. Per farla breve, quando siamo tornati il mio corpo era a pezzi e il mio dolore cronico alla schiena si è riacutizzato.

Ero sicuro che avrei trovato qualcuno in città che mi avrebbe aiutato, con tutti i monaci tibetani, i corsi e i trattamenti offerti. Mi recai nella piazza della città dove c’era una bacheca piuttosto grande e affollata di offerte, tra le quali una spiccava: una strana mappa dei sistemi energetici umani che si chiamava Terapia Shiatsu. Mi avvicinai e vidi una pergamena attaccata al manifesto, decisi di aprirla e con mio grande stupore e insaziabile curiosità vidi che c’era disegnata una cartina per trovare questo terapeuta, come una mappa del tesoro.

Decisi di seguire le istruzioni e, dopo aver percorso vicoli e stradine, anche se in quella città le strade non hanno il nome, riuscii a trovare quella casa. Bussai alla porta e ne uscì un uomo dall’aspetto esotico, tipo Yoda, con occhi, denti e pelle lucenti. Mi guardò in lungo e in largo e cominciò a ridere di me in modo isterico, scatenando una risata anche in me. Poi è diventato molto serio e ha detto….

” So esattamente da dove vieni”. Ho risposto: “Nessuno lo sa mai”.

Ha continuato dicendomi esattamente dove sono nato, dove mi ero trasferito e da dove venivo. Rimasi scioccato e gli chiesi:

“Come fai a saperlo?”. – Mi rispose:

“Un maestro di Shiatsu sa tutto di te in 5 minuti”.

Chiesi di essere trattato, lui non aveva tempo quel giorno e mi chiese di tornare il giorno successivo. Ma il giorno dopo io esitai ad andare da lui, cambiai idea e il giorno dopo ancora lasciai quella città senza aver ricevuto una sessione da lui.

Questa stanza con i tappetini per lo yoga è stata utilizzata per le lezioni che Mihael teneva nel suo centro per i clienti traumatizzati e per i workshop di shiatsu (C) M. Mamychshvili

Tornato in Canada a 26 anni, hai cercato di imparare una tecnica di cura e non eri sicuro di quale scegliere, ma il destino ti ha spinto una seconda volta verso lo Shiatsu. E questa volta sarà quella giusta, come è successo?

Dopo mesi di viaggio sono tornato in Canada e ho capito che volevo crearmi il mio destino,  essere il capo di me stesso e farlo alle mie condizioni e secondo i miei valori. Avevo intenzione di frequentare una scuola di gestione aziendale, come era logico che fosse. Il destino è intervenuto attraverso una donna di cui sono diventato amico che stava per organizzare per le persone che vivevano una fase di cambiamento e mi ha convinto a partecipare.

Si trattava di un corso di 4 settimane e tutto è andato al suo posto come i pezzi di un puzzle. Li ho scoperto l’importanza dei miei valori, delle mie capacità innate e di quanto fosse importante per me lo spirito. Grazie all’aiuto dei partecipanti e degli insegnanti ho anche capito che in realtà sono sempre stato interessato ad aiutare le persone, fin da quando ero un bambino che giocava nel recinto della sabbia. Se qualcuno soffriva, era solo o veniva preso di mira, cercavo di fare qualcosa per aiutarlo.

La consapevolezza di tutto ciò mi ha aiutato a iniziare a considerare le diverse professioni che aiutano le persone. Ho fatto una lista di 20 e poi l’ho ristretta a 5. Ho scritto nel dettaglio queste 5 vite per il futuro e ne ho scelta una: la via del guaritore.

Iniziai a fare colloqui con diverse scuole, ma nulla risuonava con me e con ciò che avevo scoperto dal mio percorso di guarigione sul corpo-mente. Un giorno mi imbattei in una nota università che stava lanciando programmi alternativi e uno di questi si chiamava “programma per operatori di terapia shiatsu”.

“Shiatsu, dove l’ho già sentito? Oh sì, l’uomo a Dharamsala che sapeva tutto di me in 5 minuti”.

Ho iniziato a leggere il programma e mi si sono rizzati i capelli, tutto il mio essere ha tremato… yesss! Ci siamo!

Ho preso il telefono e mi sono iscritto subito, senza bisogno di un colloquio o di partecipare a una lezione di prova.

Chi era il tuo insegnante? Che ricordi hai di quegli anni di formazione shiatsu?

Iniziare questo programma a 26 anni è stato un tempismo e un destino straordinario. Ero così eccitato, ma anche un po’ preoccupato e nervoso per la mia lesione cronica alla schiena che a volte si manifestava. Ho espresso queste preoccupazioni a Ted Thomas, che era il responsabile del programma e il mio insegnante principale,  lui mi guardò negli occhi e mi disse che molto probabilmente il mio dolore sarebbe scomparso durante il programma. Gli ho creduto, ho allontanato le preoccupazioni e mi sono immerso completamente. Sentivo che questo sarebbe stato un momento in cui una parte di me sarebbe morta e una nuova sarebbe rinata. In quel periodo mi sono persino rasato la testa e ho recuperato il mio vero nome, Mihael, da Michael (che avevo trasformato in inglese quando siamo arrivati in Canada). È stato come trovare una casa, un tempio, un centro di formazione per riappropriarmi del mio potere, la mia essenza, la mia verità.

Il programma era stato creato da Ted Thomas, che ha avuto una grande influenza nella diffusione dello Shiatsu nel Canada occidentale. Ted era l’insegnante perfetto, solido, professionale, disponibile, buon comunicatore, grande oratore, divertente, eccentrico e ben preparato. Il suo bagaglio di MTC era notevole, in quanto era anche agopuntore ed erborista e un essere umano veramente premuroso.

Ted Thomas si era circondato di altri insegnanti diversi che hanno portato le loro esperienze dai loro rispettivi insegnanti e dai loro percorsi di guaritori. È stata un’esperienza così ricca che ci ha fatto conoscere anche la terapia Moxa, il Gua Sha e la coppettazione, tecniche che ho amato e uso tuttora. C’erano anche la danzaterapia, il counselling, la dietetica e un’introduzione di altre tecniche. Ma imparare la teoria dello Zen Shiatsu e vederla applicata quotidianamente è stato come scoprire un universo e un linguaggio completamente nuovo per le nostre esperienze sensoriali.

Mihael mentre fa Shiatsu a Vancouver (C) M. Mamychshvili

Il corso sulla palpazione di Hara è stato il momento in cui si è aperto qualcosa di più profondo in me e ho potuto iniziare a “vedere” i ricordi dei miei compagni di classe. C’è stato un esercizio in cui ci siamo scambiati le diagnosi con tutti i membri della classe e, per mettermi alla prova, ho scelto di dire ad alta voce ciò che vedevo con ogni compagno di classe e tutto era vero, molti, me compreso, eravamo scioccati da quanto fosse esatto.

Mi sono sentito estremamente forte per la mia sensibilità, con la quale avevo lottato per tutta la vita a causa dei traumi subiti, ora potevo canalizzarla per aiutare qualcuno e mi sentivo forte nel farlo, come se avessi sviluppato dei muscoli che prima non funzionavano bene.

Abbiamo anche avuto l’opportunità di studiare in un ambiente ospedaliero e di fare pratica con il personale medico, il che è stato stimolante per capire che un giorno avremmo potuto lavorare in quel contesto.

Inoltre, ho avuto la grande fortuna di utilizzare ciò che stavo imparando con un lavoro che ho ottenuto come assistente privato per un uomo anziano e ricco che non aveva famiglia. Sono stato con lui per quasi 6 mesi, 5 sere a settimana, aiutandolo privatamente con altri assistenti, anche quando è passato all’assistenza in hospice. Ho sentito che ha scelto di morire tra le mie braccia la sera in cui è riuscito a lasciarsi andare. È stata un’esperienza profonda di cui sono stato onorato di far parte e che è servita per il mio futuro, quando ho vissuto questo onore in altre occasioni.

Quando ci siamo laureati mi sono sentito così forte e così entusiasta di quello che potevo portare al mondo e di realizzare la cosa più importante per me, lo scopo!

Ricordo di aver scritto sul mio muro: “Voglio aiutare quante più persone possibile prima di morire”.

Mihael mentre insegna lo Shiatsu nel suo centro di Vancouver (C) M. Mamychshvili

A mio parere il destino, o il Ki universale, ci spinge costantemente in una certa direzione, e i primi pazienti ci segnano per tutta la vita come professionisti. Ci può parlare dei suoi primi pazienti?

Agli inizi ho partecipato a un programma di auto-impiego che mi ha aiutato ad avviare la mia attività/studio. All’epoca era finanziato dal governo, ho fatto domanda e sono stato accettato. Non potevo crederci: ricevevo una formazione e un’istruzione e ogni settimana mi veniva corrisposta una somma di denaro per frequentare e avviare la mia attività di lavoro in proprio. Per due settimane ho pensato che mi stessero ingannando: dov’era la fregatura? Ma non c’è stato nessun inganno e nessuna fregatura, solo grande tempismo e fortuna.

Affittai una stanza in una clinica di naturopatia di proprietà di un anziano signore persiano che in quegli anni divenne come uno zio per me. Ho preparato i biglietti da visita, un sito web, tutti i materiali e le apparecchiature. La mia stanza è stata tinteggiata e arredata, il cellulare e il computer erano pronti, ma non arrivavano clienti. Dopo una settimana, due settimane, nessuno mi chiamava al telefono o mi inviava e-mail per prenotare appuntamenti, fine mese si avvicinava e con lui la scadenza dell’affitto.

Ricordando ciò che avevo imparato nel programma di auto-impiego, decisi di avvicinarmi a un negozio di prodotti sanitari locale e di offrirmi di fare shiatsu sulla sedia per la loro clientela. Ero così nervoso e timido, ma disperato; raccolsi un po’ di coraggio, entrai, mi presentai alla proprietaria e dissi;

” Mi offro di venire una volta alla settimana a massaggiare gratuitamente tutti i clienti che lo desiderano. Le piacerebbe ricevere un trattamento per provarlo?”.

Lei rispose,
“Mi dispiace, non mi piace essere toccata”.

Ero pronto ad andarmene con la mia sedia da massaggio e la testa bassa, ma in quel momento entrò suo marito, un omone Ceco muscoloso, e lei disse,

“Aspetti, mio marito ama i massaggi, la metterà alla prova”.

Il marito si presentò, mi diede la più forte stretta di mano che avessi mai ricevuto in vita mia e si sedette sulla poltrona. Dopo 10 minuti alzò il pollice verso la moglie e disse;

“Questo giovane è incredibile!”.

Abbiamo concordato che sarei andato ogni giovedì e mi hanno incoraggiato a chiedere soldi ai loro clienti sostenendo che me li meritavo.

Arrivai il primo giovedì e la mia prima cliente fu una donna anziana molto timida ed esitante, sembrava indisposta e a disagio. Si è seduta sulla sedia e io ho lavorato su di lei per circa 20 minuti, dato che non c’era molta gente. Al termine si è alzata, mi ha pagato, ingraziato e se n’è andata. Mi sentivo abbastanza bene con me stesso e con gli altri clienti che iniziavano a sedersi sulla poltrona. Dopo un’ora quella donna tornò e disse che non si era sentita così bene negli ultimi due anni. Intendeva vedermi ogni settimana per le sedute, dato che stava per affrontare un intervento chirurgico e le cure per un tumore. 

Le ho dato il mio biglietto da visita e lei è stata la mia prima paziente settimanale; in seguito è diventata un’autista volontaria e ha indirizzato a me molti pazienti oncologici. La mia seconda paziente era malata di fibromialgia, aveva forti dolori ed era in stato depressivo. La mia terza paziente era una donna uscita da una relazione violenta che soffriva molto perché piangeva per tutta la durata della seduta.

La quarta era una paziente con la “spalla congelata” che ho aiutato con poche sedute dopo che tutti gli altri trattamenti erano falliti per 2 anni. Si scoprì che era la redattrice di un giornale locale e fu così grata che scrisse un articolo di una pagina sulla sua esperienza con me. Inutile dire che per 3 mesi tutti i pazienti con problemi cronici alla spalla e con le spalle congelate mi hanno fatto squillare il telefono.

Cominciai a sperimentare e imparai rapidamente che molti di questi pazienti avevano vissuto dei traumi che condividevano con me e che venivano “rivelati” durante le sedute, e non era una coincidenza.

Mi stavo rapidamente creando una reputazione e in seguito lavorai anche con star del cinema, musicisti e cantanti del mondo dello spettacolo. Era una bella sensazione essere noto, ma volevo fare un lavoro più importante e ho capito che il mio compito era nel campo dei traumi e che quello era il mio destino.

Sotto una cascata, in un campo Wilderness per PTSD chiamato “Camp My Way”, dove Mihael ha aiutato a facilitare e a fare sessioni di Shiatsu. Questo campo era per i primi soccorritori e i soldati.
(C) M. Mamychshvili

Dopo qualche anno, nel 2009 hai deciso che non potevi resistere a questo destino e hai iniziato una nuova avventura: una clinica multidisciplinare per pazienti vittime di traumi. Ci descrivi l’enorme lavoro svolto in 10 anni ?

Quando ho iniziato a guardare le statistiche relativi ai traumi in Canada e negli Stati Uniti, sono rimasto scioccato. Ho visto un’epidemia silenziosa che mi fissava e di cui non molti parlavano. Ho iniziato a imbattermi in studi e ricerche che dimostravano in modo inequivocabile che il trauma era alla base di molte malattie, patologie, disturbi e dolore cronico.

Paesi come il Canada, di natura “insulare”, avevano tassi più alti di “disturbo post traumatico da stress” rispetto a Paesi come Israele. C’era così tanta vergogna e senso di colpa nella società che le persone si isolavano con questa malattia invisibile.

La comunità medica non aveva la formazione adeguata per diagnosticarla e nemmeno per riconoscerla. Non c’era la consapevolezza di questa malattia che vediamo e sentiamo oggi. La pandemia di Covid ha recentemente puntato una lente di ingrandimento su di essa.

Ho sentito come un colpetto sulla mia spalla da parte di Dio, del divino, del mio sé superiore per agire, per aprire un centro per questo problema e mettere un megafono su questo argomento. La mia adorata moglie ha condiviso la mia visione ed entrambi abbiamo dato il nostro meglio.

Abbiamo costruito un grande spazio e creato un bellissimo centro di cura e abbiamo riunito un’équipe di terapeuti che volevano lavorare con il trauma e il dolore cronico in modo integrato. Avevamo un team di:

  • Psicoterapeuti
  • Massaggiatori
  • Osteopati
  • Medici MTC e agopuntori
  • Medici naturopati
  • Chiropratici
  • Terapisti occupazionali (psicologo che si occupa della riabilitazione dei pazienti attraverso attività quotidiane di base e complesse)
  • Nutrizionisti
  • Ipnoterapeuti  (terapisti dell’ipnosi)
  • Terapisti dello yoga, del Qi gong, della musica e del suono

Ci sono voluti alcuni anni per creare un’identità, una filosofia, una cultura e una metodologia. Abbiamo creato:

  • Strumenti di valutazione integrativa,
  • abbiamo investito in formazione e tutoraggio interni
  • Programmi integrativi basati sui risultati
  • Abbiamo portato relatori
  • Abbiamo svolto un lavoro di sensibilizzazione nella comunità
  • Sostenuto le organizzazioni che sono in prima linea

Sono molto orgoglioso del lavoro che abbiamo svolto e del gran numero di persone che abbiamo potuto curare e con cui abbiamo lavorato. I nostri programmi hanno avuto successo e i familiari hanno portato i loro cari da tutto il mondo al nostro centro.

Sono molto orgoglioso della relazione che siamo riusciti ad instaurare con il reparto di cardiologia dell’ospedale locale, in quanto eravamo l’unica équipe non medica a cui era permesso di entrare in clinica e trattare i pazienti cardiopatici.


Alla fine molti membri del personale sono venuti nella nostra clinica e anche alcuni pazienti.
Ho anche avuto l’onore di lavorare con organizzazioni che si occupano di:

  • Dipendenze e traumi
  • Organizzazione per il soccorso alle donne vittime di stupro
  • PTSD (Disturbo Post Traumatico da Stress) per i primi soccorritori e militari

Abbiamo creato molti trattamenti innovativi e a volte lavoriamo in tandem, come ho fatto a stretto contatto con un ipnoterapeuta. Lui creava regressioni e io contemporaneamente aiutavo il corpo a liberare i traumi.

Ho collaborato anche con psicoterapeuti, agopuntori, osteopati, passando a volte da una sala di trattamento all’altra.

Foto di rafting con il team integrativo di Mihael nella sua clinica durante un’attività di team building nella natura. (C) M. Mamychshvili

A un certo punto sembrava che fosse troppo. Perché ha interrotto la clinica?

Ad essere sincero non so come ho fatto a fare tutto quello che ho fatto per tutti quegli anni. Trattavo i clienti singolarmente, facevo trattamenti in tandem, facevo da mentore al mio team, ero un terapista leader e gestivo i progressi dei nostri clienti che partecipavano ai programmi integrativi, facevo conferenze, insegnavo e gestivo l’attività con mia moglie. Stavo pensando di ingrandire l’attività, di coinvolgere partner e investitori e di continuare a far crescere questa struttura.

C’è stato bisogno della morte di mio cugino, che amavo come un fratello, che improvvisamente ha avuto un cancro terminale per fermarmi improvvisamente. Sono partito per cercare di aiutarlo e quell’esperienza mi ha svegliato dal treno in corsa frenetica su cui mi trovavo. Sono tornato a casa dopo la sua scomparsa e ho detto a mia moglie che avremmo dovuto fermarci perché vivevamo uno stress tremendo per realizzare la nostra visione. Il tempismo è stato buono perché non molto tempo dopo è arrivata la pandemia. Sentivo di aver fatto tutto quello che potevo e di essere cresciuto enormemente; era ora di spostare la mia vita e la mia concentrazione in un altro senso.

Lei ha creato un nuovo approccio chiamato Neuropath Reset. Di cosa si tratta? Perché questo nome?

Alla fine ho imparato, dal nostro centro e dai nostri clienti, che sì, possiamo aiutarli a guarire e a cambiare con i nostri metodi integrativi e a compiere dei veri miracoli; ma mancava qualcosa e cioè dare loro gli strumenti per farlo anche da soli.  Ho anche imparato che la terapia Shiatsu da sola non è sufficiente per aiutare le persone con traumi e condizioni croniche. Grazie alla mia esperienza in tutte le tecniche, alla mia crescita personale e alla mia evoluzione come terapeuta e proprietario di una clinica, ho elaborato un approccio più completo per sostenere, educare e trattare le persone.

Ho iniziato a creare un linguaggio e uno schema di cura e con esso ho combinato i molti strumenti che ho acquisito per creare il Metodo NeuroPath Reset. In parte si tratta di un lavoro pratico che combina shiatsu e lavoro sul sistema nervoso, in parte di coaching/guida, lavoro spirituale, intuizione e metodi didattici. 

L’altra parte è il lavoro di gruppo a cui partecipano i miei pazienti.

All’inizio ho iniziato a sperimentare e a tenere gruppi settimanali di 10-15 persone, insegnando loro gli strumenti per la scoperta di sé, la guarigione e la rimozione dei traumi. Ho insegnato gli strumenti singolarmente e poi ho iniziato a metterli in sequenza, il risultato è stato potente e profondo.

Ho continuato a modificarla e sono sicuro che continuerò ad arricchirla ma per il momento è un metodo potente attraverso il quale conduco questi gruppi. Il bello è che si acquisiscono molti strumenti di autoregolazione, valutazione, liberazione, orientamento, resilienza.

Premetto sempre all’esperienza queste parole:

“Alcuni di voi si renderanno conto di cose che non avevano mai capito prima.
Alcuni di voi ricorderanno cose che hanno dimenticato.
Alcuni dei vostri dolori spariranno
Alcuni di voi si libereranno di cose che hanno trattenuto.
Alcuni di voi si spezzeranno e uno di voi vorrà andarsene.
E sarete voi a creare tutto questo”.

Nel centro integrativo con persone che portano l’arte-terapia. L’artista era un ex militare che soffriva di PTSD. (C) M. Mamychshvili

Con la crisi del Covid, lei ha deciso di fare due cose diverse: interviste filmate e formazione. Può descriverci queste due nuove attività oltre alla sua pratica dello Shiatsu?

Come tutti, quando il COVID ha colpito, volevo continuare a sostenere i miei clienti e la mia comunità. Con l’aiuto di Cliff Andrews ho capito che potevo fare guarigione a distanza e i miei clienti, con grande sorpresa, l’hanno trovata potente ed efficace. È qui che la mia esperienza di coaching si è rivelata utile e l’insegnamento degli strumenti online è stato efficace.  Ora la metà della mia attività consiste nel lavorare con persone online in tutto il mondo.

Ho anche visto che la nostra comunità mondiale di shiatsu aveva bisogno di una piattaforma per riunirsi e così è nato il video podcast Everything Shiatsu. È stato il frutto del mio amore per questa terapia, ma ho anche visto che noi terapisti shiatsu dobbiamo uscire dall’ombra e aiutare di più le nostre comunità.

Mi è piaciuto imparare dagli ospiti, mantenere la nostra comunità ispirata e ho visto una rinascita del mondo dello shiatsu proprio davanti ai miei occhi. Credo che possiamo fare molto di più e che abbiamo qualcosa di unico da offrire in questi tempi difficili e complessi.

Per questo voglio condividere il mio lavoro sul trauma con tutti i terapisti shiatsu e sono entusiasta dei miei prossimi seminari internazionali in Portogallo, Francia, Austria e altri ancora.

Mihael viene benedetto dai nativi americani come ospite d’onore e collaboratore per la sensibilizzazione su traumi e dipendenze. (C) M. Mamychshvili

Infine, pur essendosi formato in molte tecniche terapeutiche, è tornato allo Shiatsu. Come vive questo rapporto con lo Shiatsu?

Lo Shiatsu è sempre stato al centro di tutto ciò che faccio, gli strumenti, la formazione, l’approccio. Ci ha aiutato anche quando lavoravamo con tutte le modalità, perché è un ottimo complemento ai vari metodi di trattamento, ma anche una grande fonte di valutazione di ciò che sta accadendo in modo olistico, guardando al quadro generale e usando la nostra intuizione innata. Molti nella mia clinica non conoscevano lo Shiatsu e il modo in cui un terapista Shiatsu può condurre questo tipo di programmi e svolgere un ruolo vitale nell’intero processo, ma i clienti hanno sempre saputo e si sono sentiti compresi e visti attraverso le lenti dello Shiatsu. Anche i terapisti hanno visto in prima persona ciò che lo Shiatsu può apportare a tutti i livelli e ne hanno avuto un enorme rispetto.

L’integrazione degli altri metodi e strumenti che ho acquisito si intreccia perfettamente con lo Shiatsu, i principi sono sempre basati sullo Shiatsu. Come la presenza, l’intuizione, il mantenimento dello spazio, la creazione di un processo terapeutico sicuro, l’offerta di quel tocco speciale che è centrato su hara e sulla nostra intenzione.

Voglio ringraziarti molto per il suo tempo e la tua dedizione nell’aiutare le persone che ti circondano.

Sono io che ti ringrazio.


Autore

Ivan Bel

Traduttore

Serena Trotti
Latest posts by Serena Trotti (see all)

    Related Posts:

    Newsletter

    Se non vuoi perdere nessun articolo, corso, intervista o informazione sullo Shiatsu, iscriviti alla nostra newsletter.



      Continuando, accetti l'informativa sulla privacy (vedere)

      ×