Libro: Ampuku – Digitopressione addominale

10 Mag, 2021
Reading Time: 4 minutes

Il libro Ampuku di Philippe Vandenabeele è un “must have “da inserire nella propria biblioteca. Piacerà sicuramente agli storici, a chi cerca di comprendere le tecniche originali dello Shiatsu, agli amanti delle immagini antiche e agli esploratori di ogni genere. Questo libro inoltre segna una novità importante nella storia dello Shiatsu occidentale: è la prima traduzione dei libri di riferimento dello Shiatsu giapponese.


Dovete sapere che quando recensisco un libro è perché l’ho letto integralmente e nei minimi dettagli. Per questo motivo ne scrivo molto tempo dopo la sua pubblicazione. Philippe Vandenabeele mi ha gentilmente inviato una copia del libro molto tempo fa, ma solo di recente ho potuto leggerlo.

E devo ammettere che il piacere di leggere “Ampuku” è all’altezza delle aspettative.

Un piccolo promemoria storico

Lo shiatsu non è una creazione ex nuovo. Deriva dall’Anma che a sua volta si divide in due rami: la versione classica e medica chiamata Koho Anma e la versione popolare praticata da non vedenti. Nel corso dei secoli il Koho Anma è quasi del tutto scomparso, soprattutto a causa dell’influenza della medicina occidentale. Fortunatamente, alcuni praticanti di talento hanno voluto far rivivere questa magnifica tecnica. All’inizio la chiamarono Happaku ho (tecnica di digitopressione), come quando Tokujiro Namikoshi aprì la sua prima clinica a Hokkaido. Il termine Shiatsu è arrivato più avanti.

In letteratura sono tre i libri principali che vengono solitamente indicati come i fondamenta dello Shiatsu:

  1. Anma Tebiki, scritto nel 1799 e pubblicato nel 1835, da Fujibayashi Ryohaku
  2. Anpuku Zukai, pubblicato nel 1827 (quindi il primo ad uscire), di Ota Shinsai
  3. Shiatsu Ryoho, pubblicato nel 1939, da Tamai Tenpeki, il libro fondatore del termine Shiatsu.

Nel libro di Philippe Vandenabeele, i primi due libri non solo vengono presentati, ma anche analizzati, mentre Ampuku Zukai è tradotto interamente, pagina per pagina.

È quindi un lavoro titanico (e minuzioso) quello che questo libro ci offre, perché ci vuole davvero molta pazienza per tradurre i giri di parole e il pensiero del giapponese antico. Ma che risultato!

Innanzitutto, mi è piaciuta l’intelligente impaginazione del libro e poi sono stata catturato fin dalla prima pagina dal resoconto storico delle arti terapeutiche manuali in Giappone, nel quale non ho trovato alcun errore, cosa che purtroppo accade troppo spesso nella maggior parte dei libri che consulto. Fosse anche solo per questo motivo, consiglio questo libro.

Immagine dell’originale Anpuku Zukai

Struttura del libro

Il libro è strutturato come segue:

  • Un’introduzione storica, la presentazione dei classici della letteratura sull’opera di Ampuku e molte interessanti riflessioni e analisi da parte dell’autore.
  • L’elenco, meridiano per meridiano, dei punti utilizzati nell’Ampuku, che alla fine sono piuttosto pochi. Ma qui ci godremo le immagini tratte da vecchi manuali giapponesi.
  • La spiegazione immagine per immagine del libro Anma Tebiki
  • E infine la traduzione completa, immagine per immagine, del libro Ampuku Zukai, attualmente in corso di traduzione in NAJOM.

Vi dirò che non si tratta di un’impresa da poco, perché anche se il testo può essere letto rapidamente, comprenderlo e cercare di integrarlo nella propria pratica è molto meno facile. Dovrete rivederlo più volte, leggerlo e rileggerlo per passare dal libro alle mani, dalla teoria alla pratica.

Non è un testo molto difficile da leggere, ma come spesso accade con i giapponesi, le spiegazioni sono piuttosto coincise. E come per ogni cosa nella nostra arte, ci vuole tempo.

Alla fine del libro, tuttavia, ci rimane il gusto del “non è abbastanza”. Avremmo voluto più spiegazioni per poterne fare qualcosa con tutto questo. Ma una piccola nota bianca sulla copertina del libro ha attirato la mia attenzione: “Volume 1”. Ho chiesto all’autore cosa significasse e questa è la sua risposta: “È in preparazione un secondo volume per il 2022 sull’applicazione pratica dei libri di Ampuku”. Fantastico! Quindi finalmente tutto è bene quel che finisce bene, e appuntamento al prossimo volume.

In ogni caso, questo libro (per ora solo in inglese, in attesa delle traduzioni francese e olandese) è diventato subito una lettura obbligatoria, insieme a quello pubblicato in italiano sullo stesso argomento (di questo ne parlerò).

Non aspettate l’uscita del prossimo volume e aggiungetelo da subito alla vostra biblioteca (lo trovate praticamente ovunque online), perché finalmente porta alla luce una parte importante della storia della nostra arte terapeutica.

Posso solo auspicare che vengano tradotti altri libri giapponesi sullo Shiatsu, o come in questo caso, anche precedenti alla fondazione dello Shiatsu.


Libro

Ampuku: Agopressione addominale. I classici al centro del lavoro corporeo giapponese. Philippe Vandenabeele – Istituto internazionale di bodywork Shinzui, Fukuoka, 2020


Autore

Ivan Bel

Traduttore

Annamaria Fedeli
Latest posts by Annamaria Fedeli (see all)

    Related Posts:

    Newsletter

    Se non vuoi perdere nessun articolo, corso, intervista o informazione sullo Shiatsu, iscriviti alla nostra newsletter.



      Continuando, accetti l'informativa sulla privacy (vedere)

      ×