Lo shiatsu a volte può accompagnare una persona dall’infanzia e diventare la sua Via solo molto più tardi nell’età adulta. Questa è la storia personale di Toshi Ichikawa. Oggi, insegnante di Toshiatsu a Parigi, è uno dei maestri che tocca con la sua semplicità, la sua conoscenza libresca sia in giapponese che in francese e la gentilezza con cui si esprime. L’ho scoperto per la prima volta grazie al documentario “la Via dello Shiatsu”. Poi sono andato a trovarlo nel suo studio, dove c’è una biblioteca ben ricca. Per diverse ore abbiamo discusso di molti argomenti. Ecco la sua storia, il suo background, la sua visione dello Shiatsu.


Ivan Bel: Buongiorno sensei, grazie per avermi accolto nel suo bellissimo studio.Prima ancora di iniziare questa intervista, posso già dire che amo la sua libreria. Per cominciare, potrebbe dirmi dove è nato e parlarmi delle sue origini familiari?

Toshi Ichikawa: Sì, sono nato il 4 ottobre 1961 a Tokyo, nel quartiere Nakano di Tokyo. Mio padre, Satoshi (慧) era un poliziotto e mia madre, Eiko (栄 子), una casalinga. Sono entrambi nati nella prefettura di Yamanashi. Si sono conosciuti grazie a un matrimonio combinato e poi si sono trasferiti a Tokyo per lavorare lì.

Vivevamo in un appartamento in un quartiere riservato esclusivamente alla gendarmeria, il quartiere Kakoi-Chô, vicino alla stazione di polizia di Nakano. Sono cresciuto in questo quartiere fino all’età di 10 anni. Successivamente ci siamo trasferiti nella Campagna intorno a Tokyo, ad Hachiôji (八 王子), vicino alla montagna sacra di Takaô-San (高 尾 山). Rispetto a quello che conoscete qui, non era proprio campagna, perché Tokyo è una città molto grande e i suoi sobborghi sono estremamente tentacolari. Ma la famiglia era tipica degli anni 60. Eravamo nel bel mezzo di un boom economico in Giappone, tutti lavoravano e c’era molta speranza per una vita migliore. Ricordo quando ero piccola quando arrivò la prima lavatrice. Fu una rivoluzione, anche se il bucato pulito doveva essere trasferito a mano in uno strizzatore. La televisione c’era già, la macchina, insomma, eravamo davvero concentrati sulla ricchezza.

Quindi, non possiamo dire che la tua famiglia fosse davvero tradizionale.

In parte lo è. Mio nonno e mia nonna paterni, abitavano a Yamanashi, vicino al monte Fuji, e vivevano in un vero ambiente agricolo, molto tradizionale. Quando ero piccolo, mio ​​padre mi lasciava lì per tutte le  vacanze. Sono stata benissimo con mio nonno e mia nonna. In questo ambiente rurale e agricolo il tempo scorreva più lentamente, più ancorato alla natura. Ho adorato queste fughe regolare. Quindi ho ereditato anche questo aspetto. Ma come sai, anche nelle moderne famiglie di Tokyo, viviamo in stile giapponese, con molte abitudini come vivere per terra, piegare e aprire il futon ogni giorno, ecc.

Qual è il suo primo ricordo dello Shiatsu?

Il mio primo ricordo dello Shiatsu risale alle serate quotidiane  in famiglia, durante le quali mia madre si prendeva cura di mio padre. Avevo 5 o 6 anni. Mio padre era un motociclista della polizia all’epoca, ma camminava anche molto, comprese le pattuglie notturne ogni tre giorni. Questo gli stava causando seri problemi cronici alla schiena. Aveva sempre dolore alla schiena. Quindi ogni volta che tornava a casa, mia madre ed io lo accudivamo con delle cure casalinghe. Io massaggiavo  i suoi piedi con i miei piedini. Mia madre poi preparava la moxa, con aglio e zenzero.

Sa, a quel tempo Tokujiro Namikoshi ha fatto conoscere lo Shiatsu al pubblico giapponese. I miei genitori  seguivano regolarmente il suo programma televisivo. Parlava delle cose della vita quotidiana, dei dolori che arrivavano e di come affrontarli con lo Shiatsu.

Namikoshi aveva uno show televisivo? Non lo conoscevo, è interessante. Ma mi dica, cosa ha fatto dopo il liceo?

Ho studiato economia internazionale. Mi ha dato la speranza di poter un giorno uscire dal Giappone. In effetti, ero un fan del cinema e della letteratura straniera. Mi ha permesso di sviluppare il mio interesse per altre culture in tutto il mondo. E ho cominciato a sognare di lasciare il mio paese.

È questo il momento in cui decidi di diventare un praticante?

Fin dall’infanzia, facevo regolarmente trattamenti  di Shiatsu intorno a me, a familiari, amici, compagni di classe, persone che ne avevano bisogno, ecc. Certo, ho iniziato a guadagnare così, ma non avrei mai immaginato di diventare un professionista. Lo Shiatsu è rimasto la mia passione per molto tempo eppure non pensavo di farne il mio lavoro.

Al liceo ero in un club di cinema ed ero anche in una squadra di football americano. Al college, oltre al cineclub ho frequentato un circolo teatrale. Il teatro era molto interessante per me in quel periodo, perché è un perfetto incrocio tra il mondo della letteratura e quello della ricerca del movimento, lo sviluppo del corpo fisico come attore. Pensavo che sarei diventato un attore di teatro. Ero circondato da persone del teatro, del cinema e di ogni tipo di artista. Negli anni ’70, abbiamo sperimentato molto artisticamente. Facevo espressione corporea d’avanguardia, creazione teatrale. La nostra creazione è stata fortemente influenzata dal lavoro di Jūrō Kara [i], Shūji Terayama [ii]] e dalla danza Būto [iii]. Mi piaceva mettere alla prova e sperimentare il mio corpo. Questo lavoro mi ha permesso di sviluppare il mio corpo, che mi è stato molto utile in seguito.

Toshi Ichikawa durante una sua lezione di Shiatsu.

E che fine ha fatto questa voglia di lasciare il Paese?

Mentre i miei studi mi preparavano a diventare un “salary man”, vivevo in un altro mondo. Alla fine sono diventato un dipendente di un’azienda, ma è fallita dopo un anno. È stato un grande sollievo per me, perché chiaramente non ero tagliato per questo (ride). Poi ho vissuto di lavoretti e dopo diversi anni avevo risparmiato abbastanza per realizzare il mio sogno di vivere all’estero! Ma attenzione: volevo vivere da qualche parte, non viaggiare! Ho parlato del mio progetto di trasferirmi in un paese occidentale e ricordo che tutti mi davano opinioni negative.

Volendo vedere l’Asia, sono andato nel sud-est asiatico e poi in India. Poi sono andato negli Stati Uniti, più esattamente a New York, perché c’erano molti artisti giapponesi e conoscevo bene questo ambiente. Avevo 27 anni, era il 1988. Sono stato lì per due anni che mi hanno cambiato completamente. Ma non le ho detto che il mio secondo sogno era diventare un fotografo professionista. Per questo ho iniziato a lavorare come assistente in uno studio commerciale, poi sono diventato fotografo freelance.

A New York è fantastico! Capisco che lei sia  cambiato. Ma  diventando un fotografo, ha smesso  di praticare lo Shiatsu?

No,non ho smesso ma non era ancora il mio lavoro principale. Stavo applicando ciò che avevo imparato dall’infanzia. In effetti, l’avevo sempre praticato con gli artisti, o a casa con i miei amici, o con la famiglia. Quindi, in realtà, non ho mai smesso di fare  Shiatsu.

Ha incontrato Ohashi sensei a New York?

Quindi, appunto… Mi sono detto che dovevo imparare meglio la tecnica Shiatsu, così sono andata al centro Ohashi. Sono rimasto davvero colpito dal lussuoso centro di formazione e quando ho visto il prezzo mi sono voltato e me ne sono andato (ride).

che cosa  è successo dopo ?

A New York ho incontrato una donna francese. Abbiamo lasciato New York per andare a vivere in Giappone, perché lei era appassionata di questo paese. Ero sempre fotografo freelance. Tuttavia,  continuavo a fare  Shiatsu. Per iniziare un allenamento serio, sono andato a lezione privata da Susumu Kimura sensei, che è  tutt’ora ancora vivo. L’ho trovato per caso su una pubblicità che citava il Kimura Institute di Sasazuka, Tokyo, e siccome non era lontano da casa mia, ho iniziato ad andarci. A volte eravamo 2 o 3 persone, non di più, era quasi una lezione privata. Mi è piaciuto molto questo corso e soprattutto la sua personalità. Per me è stato il primo incontro con un maestro di Shiatsu.

Susumu Kimura sensei

Il signor Kimura è un uomo molto spirituale. Doveva portare una bella dimensione al suo Shiatsu, giusto?

Sì, abbiamo fatto molta meditazione e molto lavoro sulla respirazione. Da parte mia, all’epoca ero sospettoso di tutto ciò che aveva a che fare con la spiritualità; non ero pronto. Fortunatamente, era molto umano ed efficiente nel suo modo di praticare lo Shiatsu. Per me è stato il vero inserimento nel mondo dello Shiatsu professionale.

Allo stesso tempo, lavorando molto come fotografo, ho sentito che il mio corpo stava iniziando a logorarsi. Sa, non ho una grande costituzione e non ho praticato arti marziali per rafforzarmi. Mio padre, come tutti gli agenti di polizia, faceva kendo. Quando ero piccolo, davanti al nostro appartamento, c’era una stazione di polizia e proprio dietro un dojo. I bambini del vicinato ci andavano per allenarsi. Ci avevo provato, ma ho smesso dopo tre mesi. Quindi nessun allenamento marziale del corpo.

Invece, ero attratto dalle discipline energetiche orientali. Un giorno, mentre camminavo, ho visto un piccolo dojo con una grande calligrafia. C’era un signore che insegnava Qigong (ndr: Kiko in giapponese). Ho chiacchierato con lui e mi ha raccontato della sua vita, compreso che aveva il cancro. Aveva avuto diversi interventi chirurgici che non avevano funzionato. Quindi aveva rinunciato alla parte medica e aveva iniziato a cercare un centro di trattamento medico di Qigong in Cina dove si era curato. Era li in Cina che aveva imparato la tecnica. Aveva appena aperto il suo dojo e io ero quasi il suo primo e spesso unico studente. Sono rimasto con lui per due anni, e lì ho scoperto il vero lavoro energetico. E poi il Qi gong terapeutico è un vero lavoro del profondo che richiede di andare nel profondo di se stessi. Ho quindi iniziato a dare trattamenti in sua presenza.

Allo stesso tempo, sono entrato a far parte di un gruppo di metodo tradizionale sul tema della respirazione du Tanden. Questo metodo era chiamato “Tanden Kokyuho” (letteralmente: “Metodo di respirazione Tanden”). È una delle arti del “benessere alla giapponese”. Deriva dalla tradizione Zen. Un tempo in Giappone, negli anni ’20 e ’30, c’erano molti seguaci di questo metodo, comprese celebrità dello spettacolo, della politica e degli affari.

Infine, ho aggiunto lo studio di Seitai di Haruchika Noguchi [iv] e Sotai-Hō di Keizo Hashimoto [v] che era già ben noto. Poi ho praticato Mako-Hō tutto il tempo per il mio problema alla schiena.

Quando si elenca tutto ciò che ha studiato, si può dire che è un apprendimento profondo  che stava facendo in quel momento.

Sì, ma cercavo principalmente di uscire dal mio stato fisico e psicologico che non mi soddisfaceva. Tutti questi esercizi, tutto questo duro lavoro che stavo facendo in quel momento della mia vita, mi hanno nutrito immensamente. E ora, in Francia, la mia passione è condividere questi metodi di “benessere giapponese” con gli occidentali.

Come é tornato in Francia?

Sono venuto in Francia nel 1998 con la mia famiglia. facevo il  fotografo. Allo stesso tempo, ho iniziato a imparare lo Shiatsu con la signora Danielle Iwahara-Chevillon [vi] che era un’insegnante per la FFST. Questo era il mio secondo apprendimento di Shiatsu. Era una delle discepole di Shizuto Masunaga come il signor Kimura.

Mi scusi, ma è una storia divertente che un giapponese è stato addestrato da una donna francese!

Sì, il cerchio si è chiuso come si suol dire, ma sentivo che era abbastanza normale per me imparare da qualcuno che conosceva l’argomento, giusto?

Si assolutamente, ha ragione. E lì, a Parigi, si stabilisce come praticante?

No, non ancora (scoppia a ridere).

Che cosa ? Ma è incredibile la sua storia!

Non era ancora il mio obiettivo più grande all’epoca, volevo comunque diventare un grande fotografo! Ma è vero che lo Shiatsu stava acquisendo sempre più importanza nella mia vita. Ho fatto trattamenti a casa, ma sempre in contemporanea alla mia attività di fotografo.

In particolare sentivo che avevo ancora bisogno di imparare la via dello Shiatsu. Poi ho seguito il signor Yasutaka Hanamura [vii] che viveva a Parigi e l’ho seguito per due anni. Era un uomo molto interessante, che non apparteneva a nessun gruppo o federazione. Insegnava nel suo appartamento nel 13° arrondissement di Parigi e c’erano molte persone nel suo soggiorno. Il corso del fine settimana a casa sua si concludeva sempre con una cena la domenica sera, e questo, in un’atmosfera tipicamente giapponese.

Era un artista, praticava la musica classica, conosceva bene le arti europee e aveva una grandissima conoscenza della cultura per tutte le materie riguardanti l’Oriente e l’Occidente. La sua pratica era molto delicata, a differenza di quella che trovi in ​​Giappone. Eppure si prendeva cura di persone con malattie molto gravi, come il cancro. Rimaneva fermo, ascoltava molto, usava le visualizzazioni. Ascoltava il corpo del suo paziente, ma anche il suo per vedere le interazioni, le ripercussioni in lui. Era un insegnante straordinario ed emozionante.

Yasutaka era anche uno dei discepoli di Shizuto Masunaga. Eravamo insieme in Giappone un giorno. Mi portò allo Iokai Center di Tokyo, nel quartiere di Ueno, perché all’epoca ero il suo unico studente giapponese. Stava iniziando a pensare a me come suo discepolo, così ho incontrato molte persone lì.

È stato allora che ho iniziato a leggere i libri di testo giapponesi di Masunaga, in particolare un piccolo libro che era come un registro dei suoi trattamenti. Inoltre, Shizuto Masunaga ha scritto molti libri e non tutti sono stati ancora tradotti, sa? Vedendomi leggere questo libro, Yasutaka sensei mi ha chiesto cosa fosse e poiché ero molto entusiasta di quello che stavo leggendo sui trattamenti di Masunaga, ha voluto tradurlo in francese. È così che, in seguito, c’è stata la versione francese con il titolo “racconti di 100 trattamenti” [viii].

Grazie per questa precisazione, perché è una piccola storia che fa parte della grande storia dello Shiatsu e ci permette di capire meglio cosa è successo. E poi, quando è diventato un praticante professionale ?

Ho continuato il mio apprendimento insieme a Yasutaka sensei, in particolare la Via dello Zen Shiatsu, lo Shiatsu di Shizuto Masunaga. Perdevo interesse per la mia vita di fotografo  e dopo un po’ la mia passione per lo Shiatsu ha iniziato a prendere piede. Così ho iniziato a pensare che lo Shiatsu potesse finalmente essere la mia strada. Ho iniziato a leggere altri libri di Masunaga. Ho trovato che la sua visione dello Shiatsu si adattava bene alla mia vita. Non l’ho mai incontrato ahimè, è morto troppo presto. Ma grazie a lui, lo Shiatsu si è rivelato come la Via da seguire.

Toshi Ichikawa che presenta lo shiatsu seduto

Un giorno una amica mi ha consigliato di contattare un praticante giapponese che viveva qui da molto tempo a Parigi, il signor Hiroaki Izumo [ix]. Lo incontrai. Voleva interrompere la sua attività e cedere il suo studio vicino a Montparnasse così come i suoi clienti. È stata una fortuna incredibile per me. Quindi, abbiamo iniziato a  parlare  e scambiare tantissimo. Quindi è successo poco a poco e dopo un anno ho avuto molte persone.

Quando hai iniziato a insegnare?

Questa è un’altra storia. È stato grazie ad uno dei miei insegnanti di Shiatsu, la signora Chevillon, che mi ha chiesto di aiutarla con il suo insegnamento. Così sono diventato il suo assistente. Ho iniziato a insegnare al pubblico francese e l’ho trovato affascinante. A quel punto, ho davvero trovato il mio posto in questo paese, il mio ruolo, e da allora è diventata la mia Via. Dopo questa esperienza come assistente, nel 2010 ho deciso di creare la mia scuola di Shiatsu.

Caspita che vita!  Una vita ricca, interessante, perché finalmente tra l’Asia, gli Stati Uniti e l’Europa ha imparato e vissuto tante cose, imparato come lavorano gli occidentali, incontrato maestri e praticanti rinomati, passato molte difficoltà…

Sì. Sono stato fortunato, ed è anche grazie a tutte le persone che ho incontrato nella mia vita.

Stai insegnando esattamente quello che hai imparato?

Ho imparato molto dai miei insegnanti. E ho anche imparato molto da solo. Facendo Shiatsu, seguendo i miei pazienti, cercando dentro di me, leggendo e incrociando le discipline tra loro, ecc. Oggi tutto quello che ho imparato, tutto quello che sto imparando, vorrei condividerlo con gli altri. Questo è il motivo per cui il mio stile si chiama ToShiatsu per esprimere una forma di Shiatsu che mi si addice.

ToShiatsu per esprimere la sua visione dello Shiatsudo

La sua scuola si chiama “Do-In”. Come mai ?

Per me è molto naturale combinare “Do-In” e “Shiatsu”. I due si adattano molto bene. Secondo me non puoi separarli, è come Yin e Yang.

La pratica dello Shiatsu richiede molto autocontrollo e cura di sé. Dobbiamo essere un modello per i nostri pazienti. Uso queste parole di “Do-In” in senso lato come “lavori fai da te energetici orientali”.

Il mio modo di fare si potrebbe definire così: prima il respiro del tanden! Suono Shakuhachi (尺八) [x] che è un flauto tradizionale giapponese. È uno strumento usato dai monaci Zen. Questo strumento richiede di trovare il respiro e la posizione del corpo in ogni momento, quindi è un ottimo esercizio.

Trovo che la nozione di tanden sia una delle materie più importanti nella pratica del corpo giapponese, deve essere una materia centrale nell’apprendimento dello Shiatsu. Nel mio stage di “腹 と 腰 – Hara to Koshi” (Pancia e Fianchi), cerco di condividere questa ricerca del tanden nella cultura giapponese per la pratica dello Shiatsu, fino a quando il movimento diventa bello. La bellezza è importante nello Shiatsu.

Toshi sensei suona il shakuhachi

Mi piace molto questa idea di bellezza in movimento. Dimmi di più. Perché è importante che lo Shiatsu diventi bello?

Perché la “bellezza” cambia la qualità dell’energia. È come se la bellezza potesse cambiare una vita. Non parlo solo della bellezza artistica, ma anche della bellezza della natura, degli esseri viventi: un ruscello, un albero, una montagna. Per me questo porta ad una sorta di cambiamento di stato interiore, ma cambia anche la situazione di un meridiano, di un organo e quindi di una persona. Da quando ho iniziato a identificare questo concetto di “bellezza” nei miei trattamenti, sono finalmente diventato un artista. Quando riesco a creare bellezza in una seduta, provo un grande brivido dentro il corpo.

Hai parlato molto del tanden. Come lo avvicina?

Attenzione, non è lavorare la pancia che è così importante, anche se ovviamente è importante dal punto di vista anatomico. Ma è soprattutto nel suo approccio giapponese, perché è un’entità in sé, è la personalità dell’individuo, il suo spirito interiore. Improvvisamente, è una dimensione infinita. Tecnicamente, emotivamente, spiritualmente, tutto passa attraverso questo. Quello di cui le parlo è il risultato della mia ricerca personale, quando studiavo molto a Tokyo, che mi ha fatto capire che il tanden è la chiave di molti aspetti dell’essere umano.

Quando è nel silenzio del trattamento, e mette la mano sul tanden, cosa pensa che stia succedendo in quel momento?

Per illustrare ciò, uso un’espressione giapponese: Ittai kan (一体 感). La traduzione in italiano potrebbe essere “sensazione condivisa, sensazione di due corpi in una mente”. Ascoltando fisicamente la persona, connettendosi a lei, ti senti uno. Se invece analizziamo con la mente, sentiamo distintamente il calore, la pelle, le tensioni, ma non facciamo più unità. D’altra parte, con l’unità realizzata si possono sentire i problemi interni della persona, si possono anche sentire dentro di sé. È l’esperienza della non-dualità. Ma esistiamo anche per noi stessi, l’uno non impedisce l’altro. Stare con l’altro, essere uno ed essere se stessi. Così, possiamo accompagnare la persona in profondità. Dare una mano significa essere una guida, non un fornitore di energia. Ascoltiamo e quel ascolto è l’aiuto di cui la persona ha bisogno la maggior parte del tempo. Non devi necessariamente voler correggere.

Shizuto Masunaga parla spesso nei suoi libri di Genshi kankaku (原始 感 覚), che può essere tradotto in italiano come “sensibilità primitiva”. È la comprensione che tutti gli esseri viventi non possono essere separati. È, inoltre, una delle basi della filosofia asiatica.

Toshi Ichikawa nel suo studio, con in mano una copia del primo libro di Shiatsu “Shiatsu Ho” di Tenpeki Tamai.

Per concludere questa intervista, un’ultima domanda: come consideri lo Shiatsu?

Lo Shiatsu è un cammino. Dopo tutto, attraverso l’altro cerchiamo sempre di sapere chi siamo. Questo è vero in ogni momento, ogni giorno, ogni anno della vita. È una ricerca interiore che attraversa il corpo alla ricerca della nostra essenza: essenza fisica, essenza mentale ed essenza spirituale. Se dimentichi di fare questa ricerca, trasformi lo Shiatsu in una semplice tecnica. Non bisogna lasciarci andare ma mantenere l’ascolto interiore.

Grazie mille per aver condiviso il suo viaggio e i suoi ricordi. Ho passato dei momenti molto piacevoli in sua compagnia.

Un grande grazie a Lei.


Autore: Ivan BEL

Tradutore: Nathalie DURAND


-> Trova Toshi Ichikawa su: https://toshiatsu.com/


Appunti:

  • [i] Kara Jūrō (唐 十郎), il cui vero nome è Ōtsuru Yoshihide (大 靏 義 英), è nato  l’11 febbraio 1940 a Tokyo. È un attore, drammaturgo e scrittore giapponese.
  • [ii] Shūji Terayama (寺 山 修 司) è nato il 10 dicembre 1935 a Hirosaki ed è morto il 4 maggio 1983, a soli 47 anni. Era un poeta, scrittore, drammaturgo, editorialista sportivo (specializzato in boxe e tappeto erboso), fotografo, sceneggiatore e regista giapponese. Nella sua breve vita ha pubblicato oltre duecento libri e diretto una ventina di film.
  • [iii] Butō è una danza nata in Giappone negli anni 60. Questa “danza del corpo oscuro” rompe con le arti performative tradizionali del noh e del kabuki, che sembravano impotenti ad esprimere le nuove problematiche degli anni 60. , in particolare gli sconvolgimenti della società e le crisi politiche.
  • [iv] Haruchika Noguchi (1911-1976) è l’inventore del Seitai, una medicina non convenzionale basata sulle capacità di autoguarigione del corpo umano.
  • [v] Sotai o Sotai-hō (操 体 法 Sōtai-hō) è una forma giapponese di terapia muscolare o del movimento, inventata da Keizo Hashimoto (1897–1993), un medico giapponese di Sendai. Il termine So-tai (体) è in realtà l’opposto della parola giapponese per esercizio (Tai-so). Il Dr. Hashimoto ha progettato Sotai come un antidoto all’esercizio potente e regolamentato del Giappone, che chiunque potrebbe facilmente fare per ripristinare l’equilibrio e la salute.
  • [vi] Danielle Iwahara-Chevillon è stata allieva di Shizuto Masunaga per tre anni in Giappone dove ha vissuto dal 73 all’80. È autrice di “Zen Shiatsu e movimenti interiori del corpo”, edizioni Guy Trédaniel, 2009 .
  • [vii] Yasutaka Hanamura, discepolo di Masunaga, è in particolare il traduttore francese delle opere di Shizuto Masunaga. È morto nel dicembre 2017.
  • [viii] “Les 100 récits du traitement” di Shizuto Masunaga, tradotto da Yasutaka Hanamura e Murielle Droux, ed. Le Courrier du livre, 2010,
  • [ix] Hiroaki Izumo è stato dagli anni ’70 uno dei pionieri dello Shiatsu in Francia insieme a Yuichi Kawada, Tsugo Kagotani, Ryotan Tokuda e pochi altri. Sarà uno dei mentori di Ichikawa e interagirà spesso con lui.
  • [x] Lo shakuhachi (o chiba in cinese) è un flauto dritto ricavato da un pezzo di bambù con cinque fori.