Seleziona una pagina

Mentre il trattamento delle cefalee e delle emicranie (frontale, oculare, laterale, occipitale e all’apice) è un grande classico dello Shiatsu terapeutico, quello dell’emicrania ormonale nelle donne rimane un argomento poco dibattuto e difficile da trattare. Eppure questo è uno dei casi più ricorrenti nella carriera del praticante di Shiatsu, poiché l’80% dei suoi riceventi è di sesso femminile. Per non rimanere bloccati su questo argomento, ecco alcuni suggerimenti per i trattamenti.


Durante la vita di una donna non è raro soffrire di emicrania mestruale, il cui nome scientifico è “Emicrania Catameniale”. Per le donne che lo vivono ad ogni ciclo mestruale, possiamo chiaramente  parlare di calvario perché vivono nella paura anticipatoria del proprio periodo. Come praticante Shiatsu, consiglio a tutti di istruirsi costantemente su tutti i disturbi femminili. Onestamente, non possiamo semplicemente starcene a guardare e sperare che passi, sarebbe indegno della nostra professione. Quindi vediamo cosa ha da dire la medicina occidentale al riguardo.

Una storia di ormoni

In generale, l’emicrania è legata a disfunzioni neurovascolari, che si verificano sotto l’influenza di fattori genetici, ambientali e talvolta emotivi. Nelle donne, è un drastico calo di un particolare ormone: l’estradiolo endogeno. Questo ormone è usato per mantenere le caratteristiche sessuali secondarie nelle donne. Come la maggior parte degli ormoni, deriva per azione metabolica dal colesterolo attraverso il testosterone. Sapere questo è interessante, perché indica l’importanza del colesterolo e del grasso nelle donne, così come un po’ di testosterone, per vivere armoniosamente da un punto di vista ormonale. Infatti, il colesterolo (così come gli estrogeni) sono i mattoni per una parte molto grande degli ormoni che produciamo. Le donne magre saranno quindi un target per l’emicrania mestruale, ma non sono le uniche. In effetti, questo ormone può essere trovato in forma sintetica nei FANS (farmaci antinfiammatori non steroidei) e in alcuni prodotti di allevamento. La distribuzione massiccia di questi farmaci e l’allevamento intensivo finiranno nell’urina e poi nell’acqua corrente. Tanto che la direttiva quadro francese sull’acqua impone il monitoraggio del livello di estradiolo nell’acqua potabile. Di conseguenza, anche le donne grasse e persino gli uomini possono essere colpiti da questo ormone, che diventa quindi un perturbatore endocrino.

Esistono due forme di emicrania catameniale.

  • La forma pura, che si attiva solo durante le mestruazioni. Secondo le statistiche, troviamo tra il 5 e il 25% dei casi
  • La forma aggravata da un terreno già emicranico fuori dalle regole, cioè dal 20 al 60% delle donne, anche lì le statistiche sono piuttosto vaghe.

La visione della medicina orientale

Se ci atteniamo al libro di Maciocia “Ginecologia e Ostetricia” possiamo leggere nell’eziologia che le cause sono un eccesso di attività fisica che danneggia la Milza e produce un Vuoto di Qi e Sangue, e tensioni emotive che provocano un ristagno del Qi di Fegato e può creare ondate di Yang o Fuoco dal Fegato verso la  testa. Un’altra possibilità è un vuoto di sangue del fegato. Il sangue si accumula poi nel Baozi (Utero) e non circola bene durante le mestruazioni e colpisce anche il Vaso Penetrante (Chong Mai).

Dalla mia esperienza clinica, abbiamo sempre interessi a:

  1. Chiedere come sono le mestruazioni e come sono avvenuti i parti se ci sono stati. Quasi sempre c’è un momento in cui la persona ha perso molto sangue, sia durante il parto, un’operazione importante o delle mestruazioni abbondanti.
  2. Controllare la dieta, in particolare la qualità dell’acqua e tutto ciò che colpisce il fegato (spezie, alcool, ecc.).
  3. Troviamo spesso un quadro emotivo che è bene affrontare in parallelo.
  4. Come con l’emicrania laterale, anche la VB è spesso coinvolta.
  5. Per i praticanti più avanzati, pensate al sangue vecchio, O-ketsu e quindi alle tecniche di  Ampuku o Qineizang per eliminarlo dall’utero. Attenzione, queste tecniche non sono banali, bisogna essere formati per poterle praticare.

Trattamenti da considerare

Non devi essere un indovino per capire che l’argomento ruota attorno al Sangue, il che è logico quando si tratta di mestruazioni. Ci sono quattro principali tabelle patologiche per l’emicrania:

  1. Il Vuoto di  Sangue (del Fegato, del Cuore). Occorre quindi nutrire il Sangue di questi organi + la Milza.
  2. Il Fuoco del Fegato (che sale fino alla testa). Bisogna drenare il Fuoco, nutrire lo Yin ed è bene pensare di eliminare anche  il Vento che spesso viene a seminare discordia nel Fegato.
  3. L’ascesa dello Yang del Fegato (sempre verso la testa). Sottomettiamo lo Yang del Fegato e nutriamo il suo Yin e il suo Sangue
  4. Il ristagno del Sangue (quindi del Fegato). Uniamo il meridiano del fegato e il Vaso Penetrante (Chong Mai) e apriamo i punti Luo.

Ma ricordiamoci che lo Shiatsu non è Agopuntura. Quindi non possiamo semplicemente premere i punti e sperare che funzioni. Come disse il Maestro Kawada: “Gli esseri umani non sono macchine. Non basta premere pulsanti”. E’ quindi indispensabile passare attraverso il massaggio degli organi (qui soprattutto il fegato), dei meridiani, degli elementi maggiori e saper creare un trattamento terapeutico adeguato allo Shiatsu. Questo si può imparare, soprattutto nelle scuole dell’UFPST che insegnano i trattamenti delle patologie nei loro programmi, perché sono situazioni difficili, soprattutto come in questo caso.

Un piccolo trucco per aiutarvi: spesso consiglio un drenaggio del fegato in particolare in primavera, utilizzando una soluzione orale a base di carciofo, radicchio e cardo mariano, in parallelo al trattamento shiatsu. Disintossicare il fegato, una volta all’anno, se non hai il controllo della tua dieta, è sempre una buona idea. Ma bisogna fare il drenaggio solo del fegato. Non combinare con il drenaggio renale ,mentre alcune marche le vendono abbinati, poiché questo stanca inutilmente il corpo. Quando si drena un organo, è sempre bene avere  gli altri che lo sostengono.

Buona pratica !


Autore: Ivan Bel

Traduttore : Nathalie Durand