Ritmi di pressione dello Shiatsu

17 Ago, 2018
Reading Time: 9 minutes

Nello mondo dello Shiatsu si parla spesso di ritmo. Lo Shiatsu è un’arte per la salute fortemente legata alla medicina tradizionale cinese. Quest’ultima è strettamente connessa ai movimenti e ai ritmi della natura che gli antichi cinesi hanno osservato per migliaia di anni. È quindi logico che lo Shiatsu percepisca questi ritmi e li traduca nella sua tecnica. E’ per questo motivo alcune scuole insegnano sequenze di tipo Fuoco, Metallo, Terra, Legno o Acqua, nelle stagioni ad esse corrispondenti.


Tuttavia i diversi stili di Shiatsu sembrano essersi cristallizzati attorno a un preciso ritmo di pressione, al punto da farlo diventare un proprio segno distintivo. Da un certo punto di vista questa specializzazione risulta interessante perché permette di studiare a fondo ciò che un particolare ritmo può stimolare nel corpo umano, oltre alla perpendicolarità e alla diversa potenza  della pressione che viene esercitata. Ad esempio, il Koho Shiatsu o lo Jigen Shiatsu, due stili di Shiatsu marziale, hanno un ritmo molto veloce (dell’ordine di un secondo) e una pressione abbastanza forte, mentre al contrario lo Zen Shiatsu o lo Yin Shiatsu possono passare un tempo relativamente lungo su ogni punto con una pressione più leggera. D’altra parte, queste specializzazioni possono impedirci di valutare e utilizzare nella pratica ritmi diversi di pressione. È un po’ come suggerire ad un meccanico di usare solo la chiave numero 12 ignorando le altre per riparare un motore, o ad un musicista di suonare solo una nota. Sembra un’idea invalidante, non è vero?  Infatti, lo è.

I diversi ritmi

Tra questi due estremi (molto veloce e molto lento), troviamo un’intera gamma di possibilità.

Possiamo classificarle nel modo seguente:

  • Meno di un secondo
    Si tratta di colpi precisi utilizzati per eseguire un kuatsu (tecnica di rianimazione) quando il corpo è gravemente indebolito o subito dopo un trauma.
  • 1 secondo
    Questo ritmo molto veloce è utilizzato nello shiatsu marziale. Tonifica il corpo e lo Yang. In questo tipo di shiatsu, è meglio essere in buona forma e abbastanza forti, come lo sono gli artisti marziali.
  • Da 2 a 3 secondi
    Il ritmo è veloce. È necessario passare più volte sulla stessa linea per ottenere un effetto. Questo effetto è rilassante e tonificante allo stesso tempo, perché stimola l’energia superficiale e Yang, mentre porta a rilassare l’interno. È un ritmo ideale per sciogliere i problemi meccanici e muscolari e per far circolare il Ki.
  • Da 3 a 5 secondi
    Questo ritmo rappresenta un buon equilibrio tra Yin e Yang. Permette di contattare il livello del Sangue, riequilibrare corpo e mente e rilassare il ricevente in profondità
  • Da 5 a 12 secondi
    Questo ritmo di pressioni è decisamente lento stimola l’energia Yin per rinvigorire una persona stanca. Contatta gli strati più profondi e attiva il sistema nervoso parasimpatico. In genere richiede un solo passaggio per ogni linea di trattamento.
  • Oltre i 12 secondi
    Questo ritmo riguarda le cosiddette connessioni (o “pollici meditativi”), il cui scopo è quello di armonizzare l’energia tra due tsubo, tra due meridiani o tra il ricevente e l’operatore. Viene spesso utilizzato tra due punti di contatto (due pollici o due palmi della mano).

Se vogliamo riuscire a realizzare uno Shiatsu adatto ad ogni ricevente che si avvicina la nostra pratica, è bene conoscere e sapere utilizzare tutti questi ritmi nelle nostre pressioni e non limitarsi a un solo modo di praticar. Sempre meglio diffidare dei dogmi e dei “è così”. Nei miei corsi sono solito fare questa metafora “Se hai un ventaglio con una sola piega e fa caldo, puoi sempre scuoterlo. Non otterrai molta aria, l’effetto è praticamente nullo! Se apri l’intero ventaglio, funzionerà molto meglio”.

Quando gli studi vengono effettuati nelle cliniche, come nel caso della formazione a tempo pieno[1], il personale docente studia tutti i ritmi di pressione. Alcune scuole arrivano addirittura a conservare il meglio di ogni stile e a scartare i dogmi, per concentrarsi unicamente sull’aspetto terapeutico. Sono tendenzialmente d’accordo con questa visione molto anglosassone delle cose, che possiamo riassumere con: “Quello che conta è il risultato!”.

Diventate il direttore d’orchestra della vostra sessione di Shiatsu e create la vostra sinfonia.

Ma il tema del ritmo è ancora più ampio. Uno degli insegnanti più competenti che ho incontrato nella mia vita di praticante Shiatsuka è Bernard Bouheret [2]. Autore di numerosi libri e molto conosciuto in Francia, pratica lo Shiatsu da oltre 35 anni. La più grande lezione che si può imparare da lui è osservarlo mentre pratica il Sei Shiatsu. A differenza degli stili di Shiatsu con un unico ritmo, questo varia regolarmente all’interno di un trattamento. Si esprime come una sinfonia musicale (a questo proposito vi rimando all’eccellente articolo di Stéphane Cuypers). C’è un’’introduzione, l’accumulo, poi, come in un brano musicale, ci sono alti e bassi, tempi lenti e tempi veloci, ritornelli, e infine una conclusione delicata.

I cambi di ritmo introdotti non sono mai bruschi. Non salta dal gallo all’asino, il che creerebbe una disarmonia che disturberebbe il ricevente.

No, fa tutto in una progressione continua, come se si guidasse attraverso un paesaggio di dolci colline. Questa nozione di messa in musica, e quindi automaticamente di ritmo, permette una grande ricchezza del trattamento e il costante adattamento del ritmo e della profondità al modo in cui le mani si sentono. In questo modo, il ricevente ha la sensazione di essere “esplorato” in tutte le sue sfaccettature. È una sensazione al tempo stesso rilassante e completa, in cui nulla sembra essere stato dimenticato. Nel 2014, Sensei Kobayashi istruttore senior del Japan Shiatsu College di Tokyo, ha dimostrato un trattamento completo a Bruxelles, durante un corso internazionale. Senza una parola e per quasi un’ora, le sue mani hanno percorso il corpo come un pianista, passando da un ritmo all’altro, fermandosi quando necessario per ricominciare. Applicando questo approccio, non ci si annoia mai come operatore durante la seduta, e ci si può sentire come un vero e proprio direttore d’orchestra, inventando le proprie composizioni, creando le proprie partiture – in breve, seguendo il proprio intuito e le proprie sensazioni.

Per usare la metafora del musicista, immaginiamo che uno studente abbia imparato tutte le note, e anche diverse scale, ma quando si tratta di ritmo gli viene detto “nella musica, solo questo ritmo è quello giusto, ta-ta-ta-ta…”, come un metronomo. Così prende il pianoforte o qualsiasi altro strumento e suona “ta-ta-ta-ta”, qualunque sia la nota. Non sarebbe terribile?

Se questo è vero, allora perché continuare a praticare qualsiasi cosa a ritmo unico, che si tratti di musica o di Shiatsu? Date un’occhiata sincera alla vostra pratica e a ciò che vi è stato detto durante le lezioni. Siete abituati a seguire un ritmo monotono o siete in grado di suonare una vera partitura? Conoscete tutti i ritmi che esistono nello Shiatsu? Avete testato i loro effetti? Li avete combinati con altri principi di pressione? Ancora una volta, non esiste un modo giusto di fare le cose. Ogni scuola, ogni stile di Shiatsu ci insegna qualcosa, quindi non dobbiamo limitarci e chiuderci in un solo modo di fare le cose. Il Ryoho Shiatsu che insegno esplora continuamente tutte le variazioni dei ritmi di pressione, del tempo, della profondità e della forza, e sperimenta approcci sia meccanici che energetici, al fine di arricchire il più possibile la gamma delle tante possibilità.

I silenzi

Nella musica come nella poesia, nella pittura come nella parola, ciò che dà sollievo non è tanto il ritmo quanto i silenzi collocati nei momenti giusti. La nozione di silenzio è fondamentale. Sapere come fermare il movimento delle dita durante una seduta di Shiatsu è come la ciliegina sulla torta. È una boccata d’aria fresca, una pausa tra due sequenze, che offre un momento di tregua sia a chi riceve che a chi dà. Durante questo tempo, non succede nulla. L’operatore Shiatsu ascolta il corpo, approfondendo la connessione, mentre il ricevente raccoglie le forze o si lascia andare ancora più in profondità. Il momento giusto per fare una pausa dipende interamente dalla vostra capacità di sentire. Se ci si imbatte in un dolore o in un punto di tensione, non ha senso insistere troppo nella speranza che sparisca. A volte bisogna aspettare, ascoltare e accompagnare il ricevente nell’infinitamente piccolo, nel sottile. A volte questo è il culmine di un intero trattamento, come se si fosse all’apice di una montagna prima di scendere dall’altra parte.

Il silenzio è spesso il punto culminante del trattamento.

La questione è per quanto tempo dovreste prendere questa pausa. È un equilibrio delicato e, ancora una volta, dovete fidarvi del vostro istinto e ascoltare attentamente. Se non fate nulla per un’ora, la persona con cui lavorate si chiederà perché è venuta? Se si va via troppo in fretta, si rischia di perdere qualcosa di essenziale. Sensei Kawada diceva che a volte manteneva una pressione ferma per 45 minuti finché la vita non tornava al punto che gli interessava (in questo caso, VC-6, Ki Hai). In generale, bisogna aspettare fino a quando non si avverte anche un leggero cambiamento nel calore, nella circolazione sanguigna o nelle fibre muscolari. Questo è un segno che il processo è in corso. Aspettate ancora un po’ per assicurarvi che il processo si svolga senza intoppi, poi passate alla parte successiva della vostra sinfonia.

Il ritmo non è quindi solo un’idea intellettuale, ma un principio fondante della tecnica shiatsu, che permette di variare gli effetti e creare sollievo nel trattamento. Meglio ancora, di tanto in tanto l’operatore può anche riscoprire il piacere di lavorare con uno stesso ritmo, non perché non sa fare altro, ma perché lo ha scelto. Così, dopo aver creato uno spazio di libertà per il ricevente grazie alla pressione e di comfort grazie alla stabilità, questa volta crea uno spazio di libertà creativa per se stesso. Con le variazioni di ritmo e le pause di una partitura Shiatsu, tutti coloro che partecipano a una sessione di Shiatsu trovano qualcosa di cui godere, ed entrano pienamente nella nozione di piacere: il piacere di essere trattati e il piacere di dare.


Nota

[1] Come avviene in Canada e in Giappone, con corsi di formazione della durata di due o tre anni e un minimo di 2.200 ore.

[2] Bernard Bouheret è il fondatore del Sei Shiatsu, dell’Union Française des Professionnels de Shiatsu Thérapeutique e l’autore dell’indispensabile “Vade Mecum – 108 trattamenti Shiatsu”, edito da Quintessence.


Autore

Ivan Bel

Traduttore

Annamaria Fedeli
Latest posts by Annamaria Fedeli (see all)

    Related Posts:

    Newsletter

    Se non vuoi perdere nessun articolo, corso, intervista o informazione sullo Shiatsu, iscriviti alla nostra newsletter.



      Continuando, accetti l'informativa sulla privacy (vedere)

      ×