Questa volta, Ivan Bel, si trova dall’altra parte del microfono e risponde alle domande del suo amico di lunga data: Pierre-Emmanuel Canon. Ogni anno da 25 anni, zaino in spalla, girovaga in Asia, diffonde la scrittura cinese, grande lettore e appassionato di Shiatsu, Ivan Bel è anche un cronico insoddisfatto: non abbastanza lontano, non abbastanza in profondità, persegue costantemente diverse ricerche che passano attraverso la terapia Shiatsu in tutte le sue forme, energia, meditazione e arti marziali. Ecco il ritratto di un ricercatore permanente.


Pierre-Emmanuel Canon: Ciao Ivan, so che hai molte corde al tuo arco, ma la prima domanda che voglio farti è: cosa ti ha portato a questa arte del lavoro sul corpo?

Ivan Bel: L’incontro con lo Shiatsu risale agli anni in cui vivevo a Parigi. A quel tempo, ero direttore informatico  in una start-up molto innovativa. Lavoravamo come i matti dalle 8 alle 12 ore al giorno con i materiali dell’azienda, i clienti, i server dei computer e Internet. Facevamo formazione in videoconferenza nel 1995!! vale a dire che eravamo extraterrestri, perché allora non esisteva alcuna “chat” video. Un bel giorno, mi sono reso conto che stavo comunicando solo in codice di programmazione con i miei assistenti. E’ scattato qualcosa e  ho deciso di interrompere questo lavoro per andare a schiarirmi la mente in Asia. Quando sono tornato, ho fatto diversi lavori e ho iniziato a studiare Shiatsu allo stesso tempo. Avevo scoperto questa pratica durante i corsi estivi intensivi di Aikido. Mi sono subito appassionato alla tecnica di François Dufour, l’insegnante che ci ha iniziati durante questo corso. Così, ho voluto organizzare un corso a Parigi con altri studenti dell’Aikido dojo. Avevo sentito parlare di una giovane insegnante di nome Françoise Bataillon [i]. Concordammo che sarebbe venuta più o meno ogni settimana a casa mia per insegnare a una dozzina di persone. Ma l’esperimento si è interrotto dopo un anno per mancanza di praticanti. Non riuscivo a trovare quello che mi era piaciuto  nei corsi estivi e nemmeno gli altri studenti volevano continuare.

Quindi sono rimasto solo con il mio desiderio di saperne di più.

Non è finita qui, immagino?

No, e il resto si è concatenato con improbabili combinazioni di circostanze. All’epoca praticavo il nuoto regolarmente. E siccome avevo preso una verruca in piscina, ho dovuto prendere un appuntamento con un dermatologo. Mentre parlavo con lei, ha menzionato il fatto che aveva appena affittato un appartamento ad un praticante Shiatsu, vicino a casa mia! Quindi ho preso subito un appuntamento con lei.

Era un’olandese di nome Lucy de Mooy, che aveva appena completato la sua formazione in una scuola nella Columbia Britannica. Queste scuole, in Canada, sono tra le migliori scuole al mondo per imparare lo Shiatsu. Il loro percorso è molto denso, dalle 2000 alle 3000 ore di lezione in 3 anni. Inoltre, questi corsi vengono svolti in una clinica universitaria per la parte pratica, quindi alla fine dei loro studi gli studenti hanno molta esperienza pratica e sanno cosa fare con le mani. A proposito, mi piacerebbe molto che fosse lo stesso percorso in Europa. Ma comunque!

Fin dal primo contatto con questa donna, sono rimasta colpita dal suo lavoro. Quindi, le ho subito chiesto se voleva assumermi come studente. Sfortunatamente, l’insegnamento non faceva parte dei suoi piani immediati. Insistevo ancora ogni volta che andavo a trovarla e alla fine ha ceduto al nostro sesto appuntamento (ride). Sì lo so, sono testardo. Così mi ha trasmesso lle sue conoscenze in lezioni private. Ho dovuto lavorare su di lei e non le piaceva molto essere toccata da mani inesperte. Quello che ho scoperto è che aveva anche un buon livello nel karate, quindi non ha esitato a correggermi severamente quando ero fuori bersaglio, calciando forte (ride). Dal momento che non aveva un programma di corsi, iniziò facendomi provare i kata Namikoshi per un anno intero. È diventato noioso dopo un po’, ma almeno lo sapevo a memoria. Per i successivi due anni e mezzo il lavoro si è concentrato sui meridiani. È grazie a questo approccio un po’ improvvisato che ho potuto partire su basi molto solide. Inoltre, quando ho detto che avevo provato questo kata per un anno ai maestri del Japan Shiatsu College di Tokyo, li ha fatti ridere. Neanche lì, si insiste così tanto su questo kata. Ma se le mie basi erano concrete a livello tecnico, pressione e postura, io invece ero un po’ leggero a livello di energia acquisita. E non sono ancora soddisfatto del mio livello in questo ambito

La vita mi ha portato a trasferirmi a Bruxelles, e lì, grazie alla presentazione di Jean-Marc Dessapt [ii] – un amico di lunga data che stava finendo il suo corso di Shiatsu – ho potuto seguire gli insegnamenti di Yuichi Kawada[iii]. Ho fatto il suo corso completo fino alla laurea, più un anno in più. Tutto sommato, sono quasi otto anni di studio da studente, il che non è niente di straordinario perché conosco molte persone che hanno fatto la stessa scelta di “raddoppiare” gli studi. Ho anche fatto molti workshop, specialmente con Shigeru Onoda [iv] e Wataru Ohashi [v]. Mi sono formato anche in medicina cinese con Jean-Marc Weill [vi]] che è un pozzo di scienza in materia, e Raphaël Piotto [vii] che mi ha portato a guardare il lato filosofico/esoterico della medicina cinese. Questi due insegnanti mi hanno aiutato molto a sviluppare una visione acuta e terapeutica dello Shiatsu, che mi ha successivamente permesso di integrare l’UFPST e di avvicinarmi ad un altro Gran Maestro assolutamente fantastico, Bernard Bouheret [viii ]. Con l’aiuto di tutte queste persone, non mi manca l’ispirazione e il materiale su cui lavorare. Mi sento come se fossi ancora solo uno studente, cosa che in realtà io sono. Soprattutto quando mi paragono ai giganti che ancora oggi mi ispirano, penso in particolare a Frans Copers [ix].

Quando hai iniziato a lavorare con lo Shiatsu?

All’inizio del mio arrivo a Bruxelles, ho praticato Shiatsu di tanto in tanto, ma solo due anni dopo ho avviato il mio studio e ho iniziato una pratica vera e propria.

Come sono nate la rete Biloba e l’EEM?

Dato che ho avuto la buona idea di prendere il nome del dominio “Shiatsu-brussels” per il mio sito web, la mia agenda è stata saturata in meno di un anno. Di conseguenza, ho potuto deviare l’eccedenza di richieste a David Gaudin, che avevo incontrato durante i corsi intensivi di Shiatsu durante l’estate. Dopo un anno, ho avuto l’idea di creare una rete più ampia che poteva identificare i terapisti complementari. È così che ho fondato il Biloba Network. Circa un anno dopo David venne a trovarmi con il progetto di creare una scuola. All’epoca stavo dando lezioni individuali a qualcuno ( che aveva insistito 6 volte percche accettassi…), ma non stavo ancora pensando ad  corso più strutturato e regolare. Ne abbiamo parlato e ho deciso di occuparmi di Shiatsu, istituendo classi strutturate in base alle mie conoscenze. È stato un lavoro enorme che mi ha richiesto 5 anni di scrittura, lettura e riflessione, comprese le vacanze estive. Oggi non lavoro più nella scuola, ma la sezione Shiatsu continua per la sua strada allegra, ed é  il mio augurio più caro, perché voglio davvero diffondere lo Shiatsu a quante più persone possibile.

Nel frattempo, sono diventato un membro del consiglio di UFPST sotto la guida ispirata di Bernard Bouheret e Jean-Marc Weill, è una grande opportunità perché posso incontrarli più frequentemente. Inoltre ho anche avuto l’onore di essere accolto molto bene presso la scuola di Shiatsu Namikoshi, il “Japan Shiatsu College” di Tokyo, da Namikoshi sensei [x] così come presso la scuola e clinica di Irie sensei [xi ] (che insegna Koho Shiatsu , letteralmente “Shiatsu Imperiale”).

Da sinistra a destra: Watanabe sensei, Ivan Bel, Kobayashi sensei, Tokyo, 2016

Cosa ti porta il lavoro con Bernard Bouheret?

Di questo potrei parlare per ore! Essenzialmente mi porta gioia, perché il suo Shiatsu è sinonimo di gioia. Quando lo riceviamo, non solo ci sentiamo profondamente toccati, ma fa emergere la gioia primaria, quella della vita, che è sepolta in ognuno di noi. Inoltre, applica una spiritualità semplice e profonda che dà senso alla pratica dello Shiatsu. Torno dall’India dove ho viaggiato 10 giorni con lui. Condividere con lui la vita quotidiana è stata un’esperienza intensa in tutti i sensi. Con tutti i maestri che ho incontrato nella mia carriera, posso ammettere che è il miglior insegnante e praticante che abbia mai incontrato. La cosa migliore è andarlo a trovare in uno stage per capire cosa sto dicendo qui.

Con Bernard Bouheret, classe in India, Auroville, 2018.

Possiamo dire che non hai perso tempo, hai fatto un percorso piuttosto ritmato! Puoi dirci quale strada hai scelto nello Shiatsu? Immagino che, come in tutti gli approcci tradizionali del corpo, ci siano diversi orientamenti possibili.

Per poter rispondere correttamente a questa domanda, devo ripercorrere velocemente le linee principali della storia dello Shiatsu. Fondamentalmente, c’erano diverse pratiche di digitopressione. Ma la prima menzione del termine Shiatsu è stata fatta in un libro di Tenpeki Tamai del 1939, che si chiama “Shiatsu Ryoho” (letteralmente “Shiatsu terapeutico”). La credenza comune colloca la creazione dello Shiatsu da parte di Tokujiro Namikoshi nel 1950, ma in realtà è molto più antico di così. Ad ogni modo, Namikoshi era autodidatta e il suo approccio era molto pragmatico. Si è concentrato principalmente sulla sfera fisica e ha ottenuto buoni risultati anche a livello fisiologico. Questo è ancora il punto forte di questo stile di Shiatsu. D’altra parte, l’aspetto energetico non è stato realmente sviluppato nella sua pratica. Questa dimensione più sottile ha trovato il suo ambasciatore grazie alla ricerca appassionata di Shizuto Masunaga. Quest’ultimo infatti, dopo essersi immerso nell’approccio meccanico dello Shiatsu, ha integrato le conoscenze della psicologia occidentale, della medicina tradizionale cinese e soprattutto dell’utilizzo dei meridiani. Così sono nate le due correnti principali.

A Tokyo in un’aula JSC, Tokyo 2016

Poiché Masunaga era più giovane e attratto dalla scoperta del mondo, il suo stile si diffuse più rapidamente durante i suoi viaggi, soprattutto in Occidente. Lo stile di Namikoshi,fino a tempi abbastanza recenti, è rimasto piuttosto concentrato in Asia . Ora le cose stanno cambiando, gli stili si diffondono più facilmente in tutto il mondo. La versione dello Shiatsu con i meridiani che conosciamo in Occidente è quindi un’eredità di Masunaga.

Sorprendentemente, oggi stiamo riscoprendo lo Shiatsu della digitopressione per il rilassamento muscolare, quando era la prima forma ufficiale (e tuttora la principale) in Giappone. Inoltre, l’unico titolo statale di “praticante Shiatsu” che esiste in Giappone è quello della scuola Namikoshi, che rappresenta oltre l’80% dei praticanti nel paese.

Personalmente, sono stato influenzato da queste due correnti. Le mie basi sono state costruite sullo stile di Namikoshi con il mio insegnante olandese. Con l’insegnamento di Kawada, sono stato introdotto all’aspetto energetico poiché aveva ricevuto la trasmissione dei due maestri contemporaneamente quando era un giovane studente al Japan Shiatsu College.

Successivamente mi sono interessato alle correnti dello Shiatsu dalle scuole marziali tradizionali. Questi stili sono più vecchi, più rustici e anche più ruvidi. Sono chiaramente destinati a praticanti di arti marziali con un corpo già solido e resistente. Mi piace questo aspetto dello Shiatsu, perché, in un certo modo, risuona con le pratiche trentennali di arti marziali che hanno plasmato il mio corpo e la mia mente. Si ritrova in uno stile che conosco poco, lo Shiatsu del maestro Harada Shinsei della scuola Jigen ryû jujutsu, ma soprattutto nel Koho Shiatsu del maestro Ryūhō Okuyama della scuola Hakko ryû jujutsu. Anche lo stile Ohashiatsu del Maestro Ohashi è interessante e ho frequentato i suoi seminari in Francia e Belgio. Devi vederlo fare una diagnosi orientale, è particolarmente sbalorditivo e rimane il mio riferimento per quanto riguarda l’osservazione. Mi piace anche la sua libertà di pensiero che gli ha permesso di inventare altre forme di Shiatsu, in particolare usando un foulard (tenugui) o il suo lavoro sulle donne incinte.

Con Jean-Marc Weill e Bernard Bouheret, è l’approccio terapeutico dello Shiatsu che ho potuto sviluppare. Era quello che mi era sempre mancato nelle mie lezioni e quello che stavo cercando da solo. Infatti, lavorando sul corpo meccanico e sui meridiani, sapevo come fare, ma stabilendo una buona diagnosi orientale secondo MTC e scegliendo tra i punti quelli che risponderanno davvero alla richiesta del ricevitore, per me è il sommo dell’arte dello shiatsu. Non si tratta più di affidarsi solo a un’intuizione che si è basata appunto sull’intuizione, ma di poter costruire un ragionamento strutturato per determinare il miglior trattamento possibile. Allora, e solo allora, possiamo lasciar andare e tornare all’intuizione. La differenza è che si basa su solide conoscenze. Ma grazie a questo approccio, ci sono molti meno tentativi ed errori nel trattamento. E in generale, rimango affezionato ai seminari offerti dai Maestri su questi argomenti e la mia agenda è ben riempita da queste opportunità!

Alla fine, tutto ciò cosa dà alle tue mani, la tua pratica?

Ad un certo punto, attraverso la pratica, c’è necessariamente una fusione che avviene tra questi diversi approcci. Da tutto ciò che ho potuto imparare durante il mio viaggio, ho fatto un riassunto intitolato “Ryoho Shiatsu” in omaggio allo sconosciuto fondatore, Tenpeki Tamai. Mi sforzo di far capire ai nostri studenti che un problema di origine meccanica verrà risolto principalmente utilizzando tecniche meccaniche. Se qualcuno viene per una lombalgia, puoi sempre sognare di risolvere il suo problema velocemente solo con energia. Certamente, lo solleverà, ma potrebbe volerci molto tempo. Nella mia esperienza, l’ideale è iniziare con l’approccio meccanico. Impastiamo il corpo, lo sleghiamo, lo allunghiamo, mobilitiamo le articolazioni e quando il corpo è ben aperto e rilassato, è il momento perfetto per passare all’energia. Quando questo cocktail è ben dosato, i risultati sono davvero impressionanti. Certo, questo resta il mio percorso, la mia visione delle cose, e valgono anche gli altri approcci.

Nello Shiatsu, come nelle arti marziali, ci sono molti stili che competono tra loro e cadiamo rapidamente in stupidi e inutili litigi fra fazioni. Da parte mia, non potrei dire che uno stile sia migliore di un altro. Tuttavia, ognuno ha i suoi punti di forza e di debolezza. I miei anni di pratica e tutto il mio pensiero ruotano attorno all’unione di tutte le forze che trovo.

Eterno viaggiatore, qui in una strada di Kyoto.

Il triangolo formato dal tuo studio, dalla tua pratica e dal tuo insegnamento è molto completo. Cosa sogni ora per il futuro?

Intendo continuare la mia ricerca sul lato energetico. Durante i miei 30 anni di pratica marziale, ho sentito molte storie sull’argomento. Ed è stata proprio la mia curiosità per la questione che mi ha portato allo Shiatsu, l’Aikido chiaramente non mi ha spiegato cosa fosse il Ki. Il problema è che al di là del blablabla, spesso non c’è molto. Ora che sto iniziando a scoprire, grazie in particolare alla meditazione, al Taichi e al Qi Gong, percezioni energetiche all’altezza  di quanto avevo immaginato, voglio vedere fino a che punto può portarmi. E, naturalmente, voglio continuare a educare gli studenti sull’importanza della meditazione nello sviluppo del potere energetico. Senza lavorare su se stessi e senza una reale capacità di ascolto, è impossibile accedere a questa dimensione più sottile e tuttavia molto più potente di qualsiasi cosa tu possa immaginare.

Vorrei anche approfondire il lato storico, perché sono uno storico dilettante e un buon conoscitore del Giappone e della Cina. Ho la fortuna di aver studiato cinese per 5 anni durante i miei studi all’Oriental Languages ​​​​a Parigi. Mi aiuta molto. Se la storia della Medicina Tradizionale Cinese (MTC) è relativamente ben nota, quella della Medicina Tradizionale del Giappone (TJ) lo è molto meno. Infine, noto che oggi la storia dello Shiatsu resta da scrivere. Le poche informazioni che raccolgo pazientemente mostrano che sentiamo molte sciocchezze su questo argomento.

Per esempio ?

Ad esempio, che Masunaga è stato il primo studente di Namikoshi, l’ho sentito spesso durante i seminari. In realtà la scuola Namikoshi aprì nel 1940 e Masunaga vi entrò solo nel 49. Quindi per 9 anni la scuola sarebbe rimasta vuota? Questo genere di cose si può verificare e non capisco perché i giapponesi non abbiano affrontato questo compito.

È davvero un bel programma. Come trovi la forza per fare tutto questo?

Questo non è sempre facile, soprattutto con una vita familiare frenetica. Ma in generale non parlerei di forza o motivazione, ma di piacere.

Ogni volta che faccio Shiatsu a qualcuno, provo un intenso piacere con l’intima convinzione di essere esattamente al mio posto. Questa sensazione non mi ha mai più  lasciato, dalle mie iniziazioni quando ho scoperto lo Shiatsu. Questo piacere a volte è così forte che quando esco da una sessione posso essere più in forma rispetto a quando ho iniziato e con il morale infallibile. Questo è quello che spiego spesso agli studenti: il vero compenso nello Shiatsu è il sorriso del cliente e il benessere che riceviamo dal Cielo.

Con il suo amico Philippe Banaï, al Congresso Europeo di Shiatsu, Vienna 2017.

Hai anche imparato il Qineizang, questo massaggio alla pancia che viene dalla Cina. Come lo usi?

Sì, e lo sai bene da quando abbiamo iniziato lo studio di Qineizang (scritto anche Chineitsang; NDR) insieme. Questo massaggio è semplicemente fantastico! Stavo leggendo un’intervista con Stephan Vien che diceva che la lettura del viso era diventata una seconda natura per lui. Beh per me è quello dello stomaco. Qineizang mi ha dato una conoscenza più profonda della pancia di quella che mi ha offerto lo Shiatsu. Di conseguenza, baso gran parte della diagnosi orientale sul tocco dell’hara, che in realtà è un’arte antica in Giappone e Cina. Non mescolo le due tecniche in una seduta, ma passo facilmente dall’una all’altra nel follow-up di una persona se ritengo che possa farle bene o accelerare il processo di recupero energetico di una persona. . Di solito le persone lo adorano.

Così ho ricevuto questo enorme libro in inglese intitolato “Reflections of the sea: hara diagnostic”. Mi ci vorranno anni per assimilare, ma ho intenzione di spingere lo studio il più lontano possibile in questo settore. Molte scuole di Shiatsu hanno una sorta di tabù che è quello di non iniziare mai una sessione dalla pancia. Non so da dove provenga questa convinzione, ma la trovo infinitamente assurda. Dopo aver fatto migliaia di massaggi alla pancia, non ho mai avuto problemi con questo. Inoltre, Kawada, Ohashi e altri giapponesi che ho incontrato mi hanno detto di iniziare e terminare sempre una sessione sulla pancia. Quindi seguo i loro saggi consigli. L’hara è il centro del corpo, dell’energia, dell’equilibrio, della digestione e contiene la maggior parte degli organi. Da lì, otteniamo tutte le informazioni utili per aiutare una persona.

Nello Shiatsu c’è questa nozione di Ki (o Qi in cinese), che circola nei meridiani, nozione che si ritrova anche nelle arti marziali. Ma su questo argomento esistono molte discussioni e molti dubbi. Cosa ne pensi ?

La discussione si chiude il giorno in cui si incontra davvero l’energia e dopo non ci sono più dubbi. Questo è successo a me nel mio 6° o 7° anno di studio. Una sera in classe, l’energia della persona che stavo toccando è entrata nelle mie mani, poi nelle mie braccia e infine in tutto il mio corpo. È stata una sensazione così incredibile che avevo le lacrime agli occhi. Ovviamente dopo, non appena ho cercato di nuovo quella sensazione, non è venuto più nulla. Ci sono voluti alcuni anni in più perché questo processo diventasse più fluido. Soprattutto, ho dovuto lasciar andare l’idea stessa di volerla trovare.

Sessione di meditazione zen, una pratica scoperta con le arti marziali giapponesi.

Possiamo rispondere alla domanda di energia in molti modi e inoltre la medicina cinese fornisce diverse fonti di produzione e diverse forme di energia. È questo malinteso (o ignoranza) che è all’origine delle discussioni. Per me è chiarissimo: tutto è solo energia, poiché alla base della materia tutto è solo atomi e onde. Sarei curioso se qualcuno mi dicesse il contrario. Non è possibile vedere questi atomi e queste onde ad occhio nudo, ma sentire l’energia sprigionata dai loro movimenti infinitesimali. Una volta che accettiamo di lasciar andare questa dimensione, ci viene molto facilmente. Dopo possiamo dargli una direzione o un’altra, con o senza intenzione, ma questa è un’altra storia.

Per le arti marziali, se ci sono ancora domande su questo argomento, è semplicemente perché questo studio non si inserisce nel quadro tecnico e sportivo in cui sono state racchiuse le discipline marziali. Senza formazione non c’è comprensione.

Ora le faccio una domanda diretta: lo Shiatsu è una medicina in sé?

Capisco cosa intendi. Una medicina in sé, no, non credo, perché non c’è questa nozione di utilizzare piante o molecole specifiche della medicina occidentale. Inoltre, non puoi fare tutto con lo Shiatsu. Ma in effetti, quale medicina oggi riesce a fare tutto? D’altra parte, è un approccio complementare, non ci sono dubbi. In Giappone lo Shiatsu è una medicina a sé stante dagli anni ’60, riconosciuta e approvata dal Ministero della Salute. Perché non da noi? Idem in Cina con quest’altra versione che è il Tuina. Negli Stati Uniti, Canada, Svizzera, Germania, lo Shiatsu è una medicina complementare. In Francia, la professione di praticante Shiatsu è riconosciuta dal 2015. Questi paesi sarebbero più stupidi di noi in Belgio? O ci siamo persi qualcosa che questi paesi hanno capito?

In Occidente, di solito devi dimostrare tutto scientificamente. Per me l’unica prova utile sono i risultati ed è su questo che lavorano la maggior parte degli studi scientifici sullo Shiatsu. Quando sappiamo che non ci sono mai stati incidenti con lo Shiatsu, mi pongo la domanda cosa renda le autorità così caute?… D’altra parte, in tutti i paesi in cui lo Shiatsu è integrato, non solo i medici e gli infermieri lo accolgono, ma i pazienti sono molto felici di avere uno strumento in più nell’arsenale terapeutico offerto. E non ha in alcun modo rallentato le consultazioni mediche, quindi non ci sono mai state perdite, ma maggiori soddisfazioni per tutti. La mancanza di formazione dei praticanti Shiatsu è talvolta criticata, ma non appena c’è il riconoscimento, le autorità sono in grado di mettere  tutto in ordine. Basterà basarsi su Giappone, Canada, Germania o Svizzera e seguire corsi di studio convalidati dallo Stato e la questione sarà risolta.

Quindi sì, lo Shiatsu è una terapia complementare. Per comprendere questa complementarità, possiamo fare la seguente osservazione in linguaggio scientifico e concreto: la chirurgia taglia il vivo e poi lo cuce insieme. Lavora a livello materiale. La medicina allopatica utilizza le molecole. Funziona quindi a livello di chimica, che è già più sottile. La medicina nucleare utilizza i raggi, soprattutto nei casi di cancro, ma anche per eseguire una radiografia. Funziona quindi a livello di atomi. La psicologia e l’ipnosi fanno appello al pensiero e ai ricordi, ma anche ai meccanismi della mente (conscio, inconscio, ecc.). Funzionano quindi a livello degli scambi elettrici del cervello, che è ancora più sottile, no? La risonanza magnetica, questi ottimi strumenti per vedere all’interno del corpo, utilizzano le onde sonore. Si può quindi parlare di medicina del suono, che in questo momento si sta evolvendo a pieno ritmo. Lo Shiatsu, come l’agopuntura, utilizza l’energia rilasciata dal corpo, quindi dal movimento degli atomi, ma non solo. Si può quindi parlare di medicina energetica in questo caso. Perché non dovrebbe trovare il suo posto accanto agli altri?

Grazie per aver chiarito queste poche domande e buona continuazione in questa passione per lo Shiatsu.

Grazie a te.

Autore : Pierre-Emmanuel Canon

Traduttore : Nathalie Durand


Per ritrovare Ivan Bel:


Riferimenti :

  • [i] Insegnante francese di Shiatsu a Parigi, lo stile Iokaï Shiatsu di Masunaga. Fu in particolare allieva di Yasutaka Hanamura e Kazunori Sasaki.
  • [ii] Professore di Aikido e Iaido, ha studiato anche alla scuola di Kuroda Sensei in Giappone, Jean-Marc Dessapt insegna queste arti marziali a Tolosa.
  • [iii] Yuichi Kawada vive a Bruxelles e insegna il proprio stile, Yoseido Shiatsu.
  • [iv] Shigeru Onoda è il rappresentante di Shiatsu Namikoshi in Europa. Con sede a Madrid, è anche il fondatore del suo stile, Aze Shiatsu.
  • [v] Wataru Ohashi ha creato l’Ohashiatsu, una tecnica che si evolve nel “Metodo Ohashi” poiché incorpora molti contributi nel suo Shiatsu. Insegna in tutto il mondo e vive a New York.
  • [vi] Jean-Marc Weill è anche un insegnante di Shiatsu in Francia, Guyana e Belgio.
  • [vii] Raphaël Piotto è agopuntore e insegnante di medicina cinese. Gli piace usare l’energia cinese solo con le dita.
  • [viii] Bernard Bouheret è autore di numerosi libri tra cui il famoso “Vade Mecum de Shiatsu – 108 prescrizioni pour le Shiatsu Thérapeutique”, e fondatore del suo stile, Sei Shiatsu. Insegna a Parigi all’EST. È anche un fine conoscitore di Qigong.
  • [ix] Frans Copers è stato il pioniere dello Shiatsu in Belgio, presidente della Federazione belga per 20 anni, poi presidente della Federazione europea di Shiatsu. Oggi è l’erede del Seiki Soho del maestro Akinobu Kishi, che insegna con talento.
  • [x] Precisamente, Ivan è stato ricevuto da Kazutami Namikoshi, Yuji Namikoshi, Akitomo Kobayashi (istruttore senior) e Kazuo Watanabe (docente e ricercatore scientifico).
  • [xi] Yasuhiro Irie è un maestro del Kokodo Jujutsu e del Koho Shiatsu.